Meno fondi per l’ADSL di nuova generazione?

Potrebbero esserci dei problemi per il rinnovamento della rete ADSL in Italia previsto per i prossimi mesi: secondo quanto pubblicato dal quotidiano La Stampa, la nuova manovra economica potrebbe frenare notevolmente l’avanzamento della rete Internet nel nostro paese, a causa della riduzioni dei fondi destinati a tale scopo.

Per chi ancora non lo sapesse, il Fondo per le aree sottoutilizzate (FAS) consente al governo di raccogliere delle risorse aggiuntive a quelle già previste, da utilizzare per avere un maggiore equilibrio nelle varie zone del paese, sia a livello economico che sociale.

Tra i vari interventi previsti nel FAS vi è una parte dedicata alle infrastrutture, che rappresenta la fetta principale delle risorse del fondo: con la manovra straordinaria di Tremonti, redatta subito dopo la crisi finanziaria dei giorni scorsi, i fondi hanno subito una riduzione e gli interventi previsti per la diffusione della banda larga e delle reti in fibra ottica di nuova generazione potrebbero registrare dei preoccupanti rallentamenti.

Il quotidiniano, ma anche altre fonti, hanno ipotizzato investimenti minori rispetto a quanto previsto inizialmente dal Governo. I tagli, purtroppo, sono una scelta inevitabile in un periodo di forte instabilità finanziaria ed economica come quello che il nostro paese, insieme a molti altri, sta vivendo.

E’ molto probabile, però, che l’assenza di un ADSL performante, moderna e adatta alle esigenze attuali, renda ancora più difficile il recupero rispetto ad altre aree in cui il Web viene preso maggiormente in considerazione e dove la rete genera ricchezza, pesando sempre di più (ovviamente in modo positivo) nel PIL di uno stato.

Quello che si spera, quindi, è che i tagli non colpiscano pesantemente questo settore e i progetti NGN previsti per il prossimo futuro vengano attuati in breve tempo, consentendo di avere un’arma in più per combattere la crisi.

Commenti Facebook: