Legge Bersani assicurazione: tutte le informazioni

Il problema del costo Rca è la classe di merito assicurazione? Come rendere il premio economico passando ad una posizione assicurativa “virtuosa”? La soluzione sta nella Legge Bersani assicurazione: tutte le informazioni le trovi in questa Guida, che renderà la vita più semplice ai neopatentati e a tutte le persone che hanno alle spalle diversi incidenti stradali. 

Come risolvere i problemi sulla classe di merito assicurazione

La classe di merito assicurazione è il primo fattore che incide sul prezzo Rca. Sono pochi gli automobilisti ad avere pochi o zero sinistri alle spalle, e questo, in base al sistema Bonus/Malus applicato alle assicurazioni, comporta un calcolo del rischio elevato e l’attribuzione delle classi più costose da parte delle compagnie. Per rimediare serve conoscere tutte le informazioni sulla Legge Bersani, che aiuta i neopatentati e i soggetti meno virtuosi a risparmiare.

Ecco la Guida al risparmio Rc auto con applicazione della Legge Bersani o con la scelta di un bonus Rca protetto.

Cos’è la Legge Bersani

La Legge Bersani (D.L. n°223 del 4 luglio 2006, divenuta legge n°40/2007) è una normativa che permette di ereditare la classe di merito più favorevole appartenente ad un membro del proprio nucleo famigliare per risparmiare sull’assicurazione.
Confronta assicurazioni auto
Il sistema Bonus/Malus infatti, applicato alla maggior parte delle Rca veicoli a motore, prevede che le persone colpevoli di un sinistro al termine dell’anno assicurativo, perdano 2 classi assicurazione, e che per contro, i soggetti che non si sono resi responsabili di alcun incidente, salgano di una classe. Le classi universali, dette CU, sono in scala da 1 a 18, dove la 1° classe rappresenta i conducenti virtuosi (senza nessun o con pochissimi sinistri alle spalle) e la 18° i conducenti che hanno provocato più incidenti. Ai neopatentati invece viene assegnata in automatico la 14° classe, comunque fra le più costose.

In cosa si traduce il sistema Bonus/Malus con applicazione delle classi di merito?

Si traduce con l’annotazione sull’attestato di rischio, al termine dell’anno assicurativo, della classe di merito assicurazione guadagnata (in positivo o in negativo) e con l’aumento del prezzo assicurazione o con la sua diminuzione. In sostanza: chi non provoca sinistri sale di una classe e paga meno, ma basta un sinistro per essere declassati di 2 posizioni.

In questo contesto la Legge Bersani si inserisce consentendo all’assicurato svantaggiato di succedere nella migliore classe di merito presente in famiglia, pagando meno le assicurazioni.

Tutte le informazioni su Legge Bersani e classe di merito assicurazione

Come sfruttare la Legge Bersani?

Si può chiederne l’applicazione alla nuova compagnia quando si cambia assicurazione auto, oppure in fase di rinnovo del vecchio contratto. Per ottenere la migliore classe di merito assicurazione però, devono ricorrere queste condizioni:

  • può essere ereditata la classe di merito di un membro del nucleo famigliare contemplato nello stato di famiglia, anche se non esiste legame di sangue. Ciò significa che in caso di cambio di residenza di uno dei due soggetti la normativa non è più applicabile;
  • la classe può essere ereditata solo quando un nuovo veicolo entra a far parte del nucleo famigliare, sia che si tratti di una nuova auto che di un’auto usata. Il veicolo deve essere assicurato per la prima volta nel nucleo famigliare;
  • il veicolo assicurato e quello da assicurare devono coincidere, cioè essere dello stesso tipo (auto-auto oppure moto-moto);
  • la classe di merito assicurazione da ereditare con la Legge Bersani deve essere attiva (non scaduta o sospesa);
  • il proprietario del veicolo già assicurato e di quello da assicurare devono coincidere;
  • la normativa non si applica alle persone giuridiche, cioè ad enti e società, ma solo alle persone fisiche.

N.B.: non è detto che una classe ereditata sia più conveniente di una classe naturale. La posizione ereditata di un neopatentato ad esempio, anche con passaggio da 14° a 1° classe, sarà comunque più costosa della 1° classe attribuita ad un conducente esperto, perché nel calcolo del prezzo assicurazione vengono presi in considerazione fattori ulteriori rispetto alle CU, come l’età ad esempio.

L’alternativa: il bonus Rca protetto

Se avendo letto tutte le informazioni su Legge Bersani e assicurazione non ricorrono le condizioni per l’applicabilità, potete optare per il bonus protetto, una speciale garanzia Rc auto che consente di mantenere invariato il premio pagato per l’assicurazione anche in presenza di sinistri. Il bonus protetto rientra fra le garanzie accessorie all’Rca, acquistabili in modo facoltativo per ottenere maggior tutela.

Per ottenere assicurazioni in ordine di prezzo e le migliori combinazioni di Rca+garanzie accessorie, utilizza il comparatore preventivi di SosTariffe.it.
Confronta preventivi RC auto

Commenti Facebook: