L’economia italiana torna (lentamente) a crescere

Finalmente qualche primo sospiro di sollievo. Torna a crescere, anche se non di molto, l’economia italiana, secondo i dati preliminari appena diffusi dall’Istat. Il nostro Paese si conferma fanalino di coda rispetto ai principali partner della zona Euro, ma se non altro la ripresa mondiale comincia a mostrare i suoi effetti anche sul Pil dell’Italia.

Il Ministero dell'Economia e delle Finanze
+0,1% di Pil per l'Italia nell'ultimo trimestre del 2013

Proprio il prodotto interno lordo, che già si era stabilizzato nel terzo trimestre dopo che per due anni era stato in recessione ininterrotta, ha fatto registrare una crescita nell’ultimo trimestre del 2013 pari a un +0,1%.

Buone notizie, ma per vedere l’effetto sulle tasche degli italiani (e sui loro consumi) ci vorrà ancora tempo. Secondo Raffaella Tenconi, economista di Bank of America Merril Lynch, l’Italia appare sulla strada di una ripresa guidata dalle esportazioni, ma il tasso di crescita nel 2014 non sarà comunque esaltante: soprattutto, si auspica che vengano gettate finalmente le basi per un vero rilancio, sia in termini di riforme per la competitivà che per quanto riguarda gli stimoli all’economia.

Meglio dell’Italia fanno anche non solo Germania e Francia (+0,4% e +0,3% nel quarto trimestre), ma anche Spagna e Portogallo (+0,3% e +0,5%). La crescita attesa per l’economia italiana quest’anno è per Ocse e Fmi dello 0,6%, dell’1% invece secondo le stime del ministero dell’Economia.
Confronta le offerte sui conti deposito

Commenti Facebook: