Le migliori app per dividere le spese tra amici

Dividere le spese di una cena, un aperitivo, un’uscita in compagnia ora è molto più semplice grazie a una serie di app ad hoc per smartphone e tablet, quasi tutte gratuite. Da Settle Up a Tricount, ecco qui di seguito le più usate su iOS e Android per risolvere i complicati calcoli di dare e avere, soprattutto quando il gruppo è numeroso.

Lo smartphone arriva in aiuto per far quadrare i conti

L’annoso problema del chi deve pagare cosa

È una scocciatura durante tutto l’anno, ma quando arriva l’estate – e aumentano uscite al pub, pizze con gli amici, aperitivi in riva al mare – diventa un vero incubo. Di fronte al conto, scattano le grandi manovre con il portafoglio in mano; già qualche problema arriva quando si decide di fare “alla romana” (non ho il resto, ho solo cinquanta euro, me li ridai la prossima volta e così via) ma se si vuole pagare esattamente per quanto consumato la situazione precipita rapidamente, con menù invocati per controllare il costo di ogni singolo cocktail, coperti che non tornano, scontrini recuperati in condizioni pietose dal fondo della tasca, severissimi calcoli del vino consumato pro capite.

L’aiuto arriva dagli smartphone

There’s an app for that, dice il mantra digitale dei nostri giorni, e fortunatamente le applicazioni per smartphone che permettono di risparmiare tempo quando si tratta di dividere le spese con gli amici – e di non attirare le maledizioni di camerieri e cassieri – sono parecchie, e fanno ricorso a Internet mobile per sincronizzarsi via Internet e non perdere neanche la più piccola spesa.
Confronta le offerte Internet mobile
Settle Up è forse la più nota in questo ambito per quanto riguarda Android (la versione per iOS, invece, è rimasta indietro): si basa sul concetto dei conti di gruppo da creare e su cui registrare ogni spesa di ogni singolo partecipante, con storico dei pagamenti, gestione di monete differenti, possibilità di allegare immagini di ricevute di pagamento.

Anche Splitwise gode di un’ottima fama, e il funzionamento è pressoché lo stesso, con la possibilità di accedere online al sito ma soprattutto saldare subito i debiti utilizzando PayPal, per non rischiare di rimanere creditori/debitori a vita o quasi, in attesa del prossimo incontro. Billr, invece, è pensata soprattutto per le cene, visto che permette di registrare ogni singolo piatto, ogni bevanda e perfino – se è il caso – la mancia.

Splid ricorda molto Splitwise ma ha alcune differenze: non richiede email o telefono delle persone nel gruppo, permette di impostare euro o percentuali nella divisione di un conto suddividendo le voci restanti.

Per iPhone c’è anche Tricount, che Forbes ha indicato tra le 6 top app che più semplificano la vita. Permette di condividere tutte le spese di gruppo con un semplice link, ha una versione web, funziona anche offline, consente di dividere le spese in porzioni diverse (ad esempio se si viaggia con bambini) e ha un layout molto semplice e intuitivo.

Commenti Facebook: