Lavoro da casa e smart working: le migliori connessioni Internet

È meglio una connessione casalinga standard o una business per partite IVA per chi lavora da casa? A parte le possibilità di detrazione e di deduzione, i servizi Internet dedicati ai professionisti, a prescindere da dove questi operano, possono comprendere anche utili opzioni, come la possibilità di essere sempre online anche in caso di guasto.

Tutte le possibilità di detrazione ai fini Irpef, Ires e IVA

Internet e lo smart working

Negli ultimi anni, lo smart working e il lavoro da casa hanno cambiato le nostre abitudini: sia in qualità di dipendenti di un’azienda che per i professionisti in proprio, è sempre più frequente limitarsi a infilare le pantofole per arrivare nel proprio ufficio, ovvero lo studio o un’altra stanza della casa, e mettersi al PC per cominciare a lavorare. Si tratta di una rivoluzione che in Italia abbiamo appena cominciato ad avvertire, ma che è già una concreta realtà sia negli Stati Uniti che in molti altri Paesi d’Europa.

Tutto questo è stato reso possibile dalla progressiva riduzione del canone per l’ADSL e la fibra ottica, a cui ha fatto eco un sensibile miglioramento delle prestazioni, anche in upload (fondamentale per chi deve inviare dei file via Internet, spesso di una certa dimensione, come nel caso di immagini ad alta definizione e filmati). Ma qual è la scelta migliore tra la connessione casalinga standard e le offerte per partita IVA? Qual è la tariffa più conveniente?
Scopri Vodafone RED+ Partita IVA

A chi serve la connessione business

Per accedere a un’offerta Internet business da casa bisogna ovviamente essere un professionista titolare di un numero di partita IVA. Di norma per quanto riguarda i prezzi si tratta di tariffe con un costo paragonabile o leggermente superiore rispetto alle offerte per privati; il vantaggio sta soprattutto nella possibilità di detrarre le spese per telefonia e Internet (come, del resto, i costi per il cellulare).

La possibilità c’è sia per le società persone giuridiche (che pagano l’Ires) sia per la deduzione Irpef dei libri professionisti: in questo caso è possibile portare in detrazione un importo forfettario pari all’80% del costo sostenuto o di competenza dell’esercizio. La detrazione ai fini IVA è totale se il servizio è strettamente collegato all’attività.  In caso di utilizzo promiscuo – cioè su utilizzate il telefono anche per la conversazioni private – l’IVA viene detratta al 50%.

Da ricordare, infine, che le connessioni Internet business possono essere particolarmente indicate per chi lavora da casa grazie a particolari opzioni: ad esempio, la linea RED+ di Vodafone mette a disposizione gratuitamente una chiavetta Internet da collegare al modem ADSL o fibra per potersi connettere senza problemi anche quando la navigazione standard è interrotta per un guasto di qualsiasi tipo.

Commenti Facebook: