La sospensione dei mutui è legge, ma quanto costerà?

Con l’approvazione della legge di stabilità del 2015 è stato anche recepito l’emendamento presentato da un deputato del Movimento 5 Stelle per la concessione di una moratoria sulle rate dei mutui per famiglie e piccole e medie imprese in difficoltà che ne facciano richiesta. La norma permette di sospendere il pagamento delle singole rate per tre anni.

Mutui sospesi per 3 anni, ma non a costo zero
Richiedi un preventivo per il tuo prestito

L’operazione non è però del tutto indolore. Infatti la sospensione del mutuo riguarda solo la quota capitale, non anche gli interessi. Questi, infatti, continueranno ad accumularsi nell’arco dei tre anni sull’ammontare del debito residuo e quando, nel 2017, la famiglia o l’impresa debitrice ricomincerà a pagare il mutuo avrà visto crescere i suoi costi di circa il 10%.

Secondo l’associazione Altroconsumo, con una sospensione pari a 18 mesi, ipotizzando un mutuo a tasso fisso di 150 mila euro, gli interessi ammonterebbero a 4 mila euro. Sono proprio i titolari di mutui a tasso fisso a risentire maggiormente di questo aumento.
Vuoi passare ad un mutuo a tasso variabile?
Insomma, questa norma sicuramente permetterà di allentare la morsa dei debiti a carico di piccole e medie imprese e famiglie italiane per un periodo di tempo, almeno per quei mesi che ancora si prevedono ancora essere i più duri, in attesa dell’uscita della crisi finanziaria. Ma la scelta di sospendere le rate del proprio mutuo ha un costo che va assolutamente preso in considerazione.

Commenti Facebook: