La bolletta della luce più cara degli ultimi 20 anni in Italia

Una recente indagine di Confartigianato segnala un aumento record delle bollette in Italia, principalmente quella energetica, pari a 26,5% in più solo in quest’ultimo anno. Secondo l’analisi, nel mese di settembre 2011 si è raggiunto il picco più alto delle ultime due decadi nel costo della bolletta luce, con 61,9 miliardi di euro, che rappresentano un 3,91% del Pil. Per le famiglie, questo significa una spesa di energia elettrica di circa 2.500 euro l’anno.

Uno dei responsabili più noti di questa esplosione nel costo dell’energia elettrica è stato l’aumento del prezzo del petrolio, il cui barile ha raggiunto i 108,56 dollari lo scorso settembre, una crescita di oltre il 143% rispetto a marzo 2009. Questo incremento ha provocato le logiche ripercussioni sui prezzi dei carburanti, dei trasporti e del gas.

Nel caso dell’Italia, gli aumenti registrati sono assai superiori rispetto a quelli medi europei. Nell’ultimo anno, il prezzo del gas nel nostro Paese è aumentato un 2,1% in più rispetto al resto dell’UE (12,2% contro 10,1%).

Riguardo il prezzo dei carburanti, in Italia si è verificato un aumento del 17,4% nel periodo che va da ottobre 2010-ottobre 2011, ovvero 3,3% in più rispetto gli altri paesi europei (14,1%). Nello specifico, la benzina senza piombo ha registrato un incremento pari al 15,3% da novembre 2010 ad oggi, mentre il costo del gasolio auto è cresciuto del 22,1% nello stesso periodo.

Per quel che concerne il settore trasporti, nell’ultimo anno in Italia si è verificato un aumento dei prezzi pari al 7,7%, che rispetto all’aumento del 4,5% dell’area Euro rappresentano 3,2 punti in più. Infine, alcune zone del nostro Paese hanno subito un incremento maggiore del 8% nei prezzi dei trasporti, come il caso di Potenza (10,5%), Venezia (9,1%), Verbania (9%), Trento (8,8%), Pescara e Piacenza (8,4%), Varese (8,1%) e Mantova (8%).

Questi aumenti continuano ad arrestare l’economia delle famiglie, con inevitabili ripercussioni sull’economia dell’intero Paese.

Commenti Facebook: