Inviare SMS anonimi e scoprire il mittente

L’invio di SMS anonimi, è un fenomeno che si è diffuso a macchia d’olio negli ultimi tempi, sia per fare degli scherzi agli amici sia per questioni, a volte più gravi, che cadono nell’illegalità.
Oggi vedremo come è possibile effettuare l’invio di SMS anonimi ed eventualmente il metodo per scoprire chi è il mittente di questi messaggi. Ovviamente ricordiamo che l’utilizzo di questa tecnica va legata solo a motivi di scherzo perché potrebbe facilmente sfociare in una denuncia.
I cellulari della Nokia, hanno una riga di codice che, inserita a capo del messaggio, non permette la visualizzazione del numero, impedendo così al destinatario di rispondere.

I caratteri da inserire sono i seguenti:

*s#

Allo stesso modo, ogni gestore telefonico, ha deciso di inserire dei parametri testuali da inserire nei propri SMS per evitarne la visualizzazione del mittente al destinatario. Ma esaminiamo i casi, i metodi ed i costi a seconda del nostro gestore telefonico:

WIND:
– inserire prima del corpo del messaggio: *k[spazio]k#s[spazio]Testo messaggio
– inserire nello spazio dedicato al destinatario il numero del destinatario
– Costo: € 0,15

TIM:
– inserire nel corpo del messaggio: ANON [spazio] numero cellulare destinatario [spazio] Testo del messaggio
– inserire nello spazio dedicato al destinatario il numero 44933
– Costo: € 0,31

H3G:
– inserire nel corpo del messaggio: numero cellulare destinatario [spazio] Testo del messaggio
– inserire nello spazio dedicato al destinatario il numero 48383
– Costo: € 0,50

VODAFONE:
Vodafone, a differenza degli altri operatori, non prevede codici da inserire nel corpo del messaggio, bensì la possibilità di registrarsi al sito Internet della compagnia ed inviare gratuitamente 10 SMS al giorno visualizzando (attivando l’opzione) il numero del centro servizi.

Per l’identificazione del mittente del messaggio anonimo, l’unico metodo è fare una querela contro ignoti ai Carabinieri. Maggiori informazioni sono disponibili sul sito:www.carabinieri.com.

Ricordiamo che il tutorial viene effettuato solo per completezza tecnica ed inoltre si tiene a precisare che l’invio degli SMS anonimi non è legale perchè molto spesso viene usato come metodo di stalking.

=”Apple-style-span” style=”border-collapse: separate; color: #000000; font-family: ‘Times New Roman’; font-size: 16px; font-style: normal; font-variant: normal; font-weight: normal; letter-spacing: normal; line-height: normal; orphans: 2; text-indent: 0px; text-transform: none; white-space: normal; widows: 2; word-spacing: 0px;”>

L’invio di SMS anonimi, è un fenomeno che si è diffuso a macchia d’olio negli ultimi tempi, sia per fare degli scherzi agli amici sia per questioni, a volte più gravi, che cadono nell’illegalità.
Oggi vedremo come è possibile effettuare l’invio di SMS anonimi ed eventualmente il metodo per scoprire chi è il mittente di questi messaggi. Ovviamente ricordiamo che l’utilizzo di questa tecnica va legata solo a motivi di scherzo perché potrebbe facilmente sfociare in una denuncia.
I cellulari della Nokia, hanno una riga di codice che, inserita a capo del messaggio, non permette la visualizzazione del numero, impedendo così al destinatario di rispondere.

I caratteri da inserire sono i seguenti:

*s#

Allo stesso modo, ogni gestore telefonico, ha deciso di inserire dei parametri testuali da inserire nei propri SMS per evitarne la visualizzazione del mittente al destinatario. Ma esaminiamo i casi, i metodi ed i costi a seconda del nostro gestore telefonico:

WIND:
– inserire prima del corpo del messaggio: *k[spazio]k#s[spazio]Testo messaggio
– inserire nello spazio dedicato al destinatario il numero del destinatario
– Costo: € 0,15

TIM:
– inserire nel corpo del messaggio: ANON [spazio] numero cellulare destinatario [spazio] Testo del messaggio
– inserire nello spazio dedicato al destinatario il numero 44933
– Costo: € 0,31

H3G:
– inserire nel corpo del messaggio: numero cellulare destinatario [spazio] Testo del messaggio
– inserire nello spazio dedicato al destinatario il numero 48383
– Costo: € 0,50

VODAFONE:
Vodafone, a differenza degli altri operatori, non prevede codici da inserire nel corpo del messaggio, bensì la possibilità di registrarsi al sito Internet della compagnia ed inviare gratuitamente 10 SMS al giorno visualizzando (attivando l’opzione) il numero del centro servizi.

Per l’identificazione del mittente del messaggio anonimo, l’unico metodo è fare una querela contro ignoti ai Carabinieri. Maggiori informazioni sono disponibili sul sito:www.carabinieri.com.

Ricordiamo che il tutorial viene effettuato solo per completezza tecnica ed inoltre si tiene a precisare che l’invio degli SMS anonimi non è legale perchè molto spesso viene usato come metodo di stalking.

Commenti Facebook: