Internet uccide le filiali bancarie: ne spariranno altre 1.500

Secondo quanto sta emergendo con le stime degli ultimi giorni, la rottamazione degli sportelli bancari sarebbe una tendenza in continuo incremento, avviata da diversi anni su impulso dei processi di fusione e riorganizzazione da una parte, e su spinta dell’internet banking dall’altra.

Nei prossimi anni spariranno oltre 1.500 filiali bancarie
Nei prossimi anni spariranno oltre 1.500 filiali bancarie

E così, dopo gli 800 sportelli bancari persi dal 2007 a ieri (si è passati da 32.800 unità a 31.900 unità), nei prossimi anni è prevista la cessazione delle attività di altri 1.500 sportelli. Una stima che tuttavia potrebbe essere ben più ampia e profonda, considerato che si riferisce ai soli grandi istituti, escludendo pertanto le decine di reti di medie e piccole (spesso, picolissime) banche.

Confronta i migliori conti»

Sempre secondo le rilevazioni più attendibili, la flessione sarebbe stata più forte soprattutto per le grandi banche attive nei centri urbani di media o ampia dimensione (che, contestualmente, hanno investito molto nei servizi online) mentre di contro le popolari e le banche di credito cooperativo, radicate prevalentemente nei piccoli centri, starebbero mantenendo più viva la propria rete tradizionale.

Principale artefice della riduzione delle filiali è Intesa Sanpaolo, che dai 6.100 sportelli del 2007 arriverà a fine 2017 – dopo “soli” 10 anni – ad annoverarne circa 3.300 unità. Ovvero, un dimezzamento, o quasi.

Commenti Facebook: