Internet non ucciderà i giornali (forse)

Del tema di discute da tempo e, forse, si continuerà a farlo anche nel corso dei prossimi anni: quanto c’è di vero sulla correlazione che lega la crescita del business dell’advertising online, con la morte (presunta) dei giornali di carta?

Il mercato pubblicitario online non pregiudica quello su carta stampata
Il mercato pubblicitario online non pregiudica quello su carta stampata

Dell’argomento si è recentemente occupato un approfondimento curato da Wired.it, secondo cui, in fondo, Internet non starebbe affatto uccidendo i giornali, con il mercato pubblicitario online che si porrebbe in un contesto “estraneo” a quello della carta, in un clima che – peraltro – era già di calo di popolarità della carta stampata.

Insomma, Internet non starebbe uccidendo i giornali o, per dirla con parole meno drammatiche, i cittadini non hanno smesso di leggere i giornali a causa del web, e il mercato pubblicitario online non avrebbe sostituito quello della carta stampata.

Scopri offerte ADSL

La percezione che gli annunci online siano più economici da acquistare nasce da un falso parallelismo” – spiegava Matthew Gentzkow, professore della Booth School of Business della Chicago University su Wired – “non si possono fare paragoni tra mele e pere“.

Secondo il professore, infatti, occorrerebbe puntare l’attenzione sul raffronto tra il costo della pubblicità online e il prezzo sostanzialmente sostenuto per catturare l’interesse degli utenti, con quest’ultimo che sarebbe ben più difficile da ottenere rispetto all’attenzione catturata dal lettore di riviste, su un’immagine patinata.

Voi che ne pensate?

Ricordate inoltre di utilizzare il nostro comparatore per essere sempre più aggiornati sulle offerte ADSL.

Commenti Facebook: