Internet sul cellulare in crescita

Internet Mobile su cellulare è aumentato notevolmente. Su 47 milioni di utenti internet in Italia il 13% si connette tramite cellulare. La media italiana di navigazione con devices di ultima generazione (crescono del 20% i ricavi per i produttori di cellulari) e’ superiore a quella europea e registra un aumento del 30% rispetto al 2008. La tendenza in crescita di connessioni tramite cellulari è confermata.

Esplodono i social Network: Facebook ormai è su qualsiasi piattaforma: da Android a iPhone, da INQ della 3 a Blackberry e Windows Mobile.

Nel 2008 13 milioni di italiani hanno acquistato contenuti digitali (giochi, informazioni, applicazioni, video, musica) attraverso il cellulare. Il mercato complessivo dei Mobile Content & Internet cresce solo del 3% nel 2008 e attestandosi a 1,2 miliardi di euro. Per la prima volta ci è stata una riduzione del fatturato dei contenuti a pagamento pari al 2% controbilanciata dalla crescita dei ricavi da Mobile Internet pari a circa il 20%.

I canali di pagamento che caratterizzano sul Mobile evidenziano il predominio dei sistemi di billing ( i famosi sms al 484XX e i vari 899 e 199) degli Operatori di telefonia mobile (95%) che costituiscono infatti un asset strategico. La componente principale è costituita dai sistemi di billing basati su rete fissa, in forte calo però nel 2008 a causa principalmente del blocco automatico importo dal garante sui numeri a sovrapprezzo; crescono gli acquisti con carta di credito grazie ai servizi di scommessee la nascita degli Application store (di Apple, Nokia, Htc, Android, Vodafone, Balckberry): l’impatto è ancora modesto e sarà determinante seguire le dinamiche che potranno svilupparsi in futuro sugli acquisti con carta di credito come sistema di pagamento alternativo rispetto a quello degli Operatori mobili.

Il punto interrogativo di fondo sul Mobile Internet riguarda i modelli di business: se si andrà verso una logica simile a quella del Free Web Pc basato principalmente sulla vendita della pubblicità e i gli operatori sugli abbonamenti di connettività dati (il quale può compromettere il modello Mobile storicamente basato sulla vendita di contenuti) o se si riuscirà ad intraprendere una via diversa, Mobile-specific, in grado di sfruttare le caratteristiche intrinseche del canale Mobile – immediatezza, ubiquità e, soprattutto, la maggiore propensione a pagare per servizi e contenuti di reale valore grazie all’efficace sistema di pagamento sul conto telefonico.

Se da un lato vi è una crescita esponenziale, dall’altro c’è anche il malcontento di molti utenti. Il 70% degli utenti della rete mobile si lamenta per connessione troppo lenta e di bassa qualità oltre principalmente ai costi elevati e i problemi di copertura e browser mobili ancora non adatti.

tariffe-flat-a-consumo

E’ quindi di fondamentale importanza la diffusione delle tariffe Flat che permettono lo sviluppo del mercato Internet Mobile. Ad oggi il loro peso è ancora limitato, pari al 10% dei ricavi complessivi, ma destinato a crescere fortemente in futuro.

ariffe internet mobile” href=”http://www.chiavettainternet.it” target=”_blank”>Internet Mobile su cellulare è aumentato notevolmente. Su 47 milioni di utenti internet in Italia il 13% si connette tramite cellulare. La media italiana di navigazione con devices di ultima generazione (crescono del 20% i ricavi per i produttori di cellulari) e’ superiore a quella europea e registra un aumento del 30% rispetto al 2008. La tendenza in crescita di connessioni tramite cellulari è confermata.

Esplodono i social Network: Facebook ormai è su qualsiasi piattaforma: da Android a iPhone, da INQ della 3 a Blackberry e Windows Mobile.

Nel 2008 13 milioni di italiani hanno acquistato contenuti digitali (giochi, informazioni, applicazioni, video, musica) attraverso il cellulare. Il mercato complessivo dei Mobile Content & Internet cresce solo del 3% nel 2008 e attestandosi a 1,2 miliardi di euro. Per la prima volta ci è stata una riduzione del fatturato dei contenuti a pagamento pari al 2% controbilanciata dalla crescita dei ricavi da Mobile Internet pari a circa il 20%.

I canali di pagamento che caratterizzano sul Mobile evidenziano il predominio dei sistemi di billing ( i famosi sms al 484XX e i vari 899 e 199) degli Operatori di telefonia mobile (95%) che costituiscono infatti un asset strategico. La componente principale è costituita dai sistemi di billing basati su rete fissa, in forte calo però nel 2008 a causa principalmente del blocco automatico importo dal garante sui numeri a sovrapprezzo; crescono gli acquisti con carta di credito grazie ai servizi di scommessee la nascita degli Application store (di Apple, Nokia, Htc, Android, Vodafone, Balckberry): l’impatto è ancora modesto e sarà determinante seguire le dinamiche che potranno svilupparsi in futuro sugli acquisti con carta di credito come sistema di pagamento alternativo rispetto a quello degli Operatori mobili.

Il punto interrogativo di fondo sul Mobile Internet riguarda i modelli di business: se si andrà verso una logica simile a quella del Free Web Pc basato principalmente sulla vendita della pubblicità e i gli operatori sugli abbonamenti di connettività dati (il quale può compromettere il modello Mobile storicamente basato sulla vendita di contenuti) o se si riuscirà ad intraprendere una via diversa, Mobile-specific, in grado di sfruttare le caratteristiche intrinseche del canale Mobile – immediatezza, ubiquità e, soprattutto, la maggiore propensione a pagare per servizi e contenuti di reale valore grazie all’efficace sistema di pagamento sul conto telefonico.

Se da un lato vi è una crescita esponenziale, dall’altro c’è anche il malcontento di molti utenti. Il 70% degli utenti della rete mobile si lamenta per connessione troppo lenta e di bassa qualità oltre principalmente ai costi elevati e i problemi di copertura e browser mobili ancora non adatti.

tariffe-flat-a-consumo

E’ quindi di fondamentale importanza la diffusione delle tariffe Flat che permettono lo sviluppo del mercato Internet Mobile. Ad oggi il loro peso è ancora limitato, pari al 10% dei ricavi complessivi, ma destinato a crescere fortemente in futuro.

Commenti Facebook: