Internet Casa e lockdown: scende la velocità download, ma sempre più veloci rispetto al 2019

La velocità media delle connessione Internet casa è in crescita. Nel passaggio dal 2019 al 2020, infatti, i dati confermano un netto miglioramento delle connessioni. Durante il lockdown, in ogni caso, si registra una sostanziale riduzione della velocità della rete rispetto ai dati raccolti nei primi mesi dell’anno in corso. Ecco i risultati dell’indagine di SOStariffe.it che ha analizzato la velocità media delle connessioni Internet casa in Italia. 

Le connessioni Internet casa in Italia diventano sempre più veloci

Il nuovo studio di SOStariffe.it si concentra sulla velocità della connessione Internet casa in Italia. Secondo i dati raccolti, nel corso del 2020 si registra una crescita del +32% per quanto riguarda la velocità della connessione ad Internet rispetto ai dati del 2019. Considerando l’effetto del lockdown, che continua dallo scorso mese di marzo, i dati confermano un calo netto della velocità media (-24.28%) rispetto ai risultati ottenuti nei primi mesi del 2020.

L’osservatorio di SOStariffe.it ha passato in rassegna la velocità della connessione Internet casa durante i primi mesi del 2020 mettendo a confronto con i dati dello stesso periodo del 2019, per evidenziare la crescente diffusione della fibra ottica, e con i dati registrati nel corso del lockdown, in modo da evidenziare l’effetto dell’isolamento domestico e della crescita del traffico dati sui tempi di download.

I dati rilevati dal tool ‘Speed test’ SOStariffe.it

Il nuovo studio di SOStariffe.it ha sfruttato i dati medi di velocità in download (parametro espresso i Mb/s) rilevati per tutte e venti le regioni italiane grazie agli speed test effettuati con il offerte internet casa di SOStariffe.it. I dati riguardano i primi quattro mesi del 2020 che sono stati messi a confronto con i primi quattro mesi del 2019.

Da notare, inoltre, che l’analisi effettuata da SOStariffe.it ha considerato anche le variazioni tra il periodo precedente al lockdown (nelle settimane tra il 9 gennaio e il 27 febbraio) e durante il periodo di quarantena a casa (dati stimati tra il 9 marzo e il 27 aprile). E’ stato poi registrato l’incremento di utenti che durante il lockdown ha dichiarato di navigare da casa con una connessione da almeno 100 Mega in download, un dato raggiungibile con la rete in fibra ottica FTTH oppure con la rete in fibra mista FTTC.

Per misurare con precisione la qualità della propria connessione Internet casa è possibile utilizzare, in qualsiasi momento, lo speed test di SOStariffe.it che offre indicazioni precise in merito alle velocità in download e upload ed altri parametri della connessione, come il ping e il jitter.

Internet casa: nel 2020 molto più veloce del 2019. In testa Campania, Lazio e Umbria

Il confronto tra i dati della velocità di download dei primi quattro mesi del 2020 con i primi quattro mesi del 2019 conferma che, in linea generale, si registra in tutta Italia una crescita della velocità di connessione. In media, infatti, la velocità di download è passata da 33,06 Mega a 43,65 Mega. L’incremento percentuale registrato è del +32,03%. 

La crescita non è però uniforme su tutto il territorio nazionale ed alcune regioni registrato dati decisamente superiori rispetto allo scorso anno. E’ il caso, ad esempio, della Campania dove nel 2019 si registrava una velocità media di 35,34 Mega mentre quest’anno si registra una velocità di quasi 65 Mega con una crescita percentuale del +83,64%.

Dati molto positivi anche per il Lazio che registra una crescita del +70,5% passando da circa 30 Mega a quasi 52 Mega di velocità massima in download. In forte crescita anche l’Umbria, dove i dati raccolti indicano una crescita del +70% della velocità della connessione ed una velocità media di 46 Mega, ed in Molise, che cresce del +52% anche se il valore medio della velocità risulta comunque limitato a 26 Mega.

Da segnalare, inoltre, il leggero calo registrato dalla Sardegna, dove la velocità massima della connessione fa segnare un calo del -2.2%. Dati molto più negativi per il Friuli Venezia Giulia, in calo del -24%, e soprattutto per la Valle d’Aosta dove si registra un calo del -63% con una velocità media di download rilevata che passa da quasi 40 Mega ad appena 14 Mega.

La tabella qui di sotto va a riassumere i dati, suddivisi su base regionale, dell’osservatorio di SOStariffe.it mostrando la velocità media in download delle connessioni nel corso dei primi quattro mesi del 2019 e dei primi quattro mesi del 2020. 

Durante il lockdown tempi dilatati di connessione quasi ovunque

Tra gli effetti principali del lockdown c’è da segnalare un calo generalizzato delle velocità di connessione in ambito domestico. Durante tutto il periodo di isolamento (dal 9 marzo al 27 aprile, ultimo giorno di rilevamento dei dati dell’osservatorio) si è registrato un rallentamento generale a causa di un picco di accessi contemporanei che ha messo in crisi le reti.

I casi più evidenti arrivano dall’Emilia Romagna (-46,26%), seguita da Umbria (- 43, 83%) e Sicilia (-40,15%). Da segnalare, in ogni caso, alcune regioni che (anche grazie alle maggiori richieste di offerte fibra) registrano un miglioramento della velocità della connessione. E’ il caso di regioni come la Liguria (+2,61%), la Campania (+3,91%) e  la Puglia (+6,01%). In crescita anche la Valle d’Aosta (+16,1%) e il Molise (+48,55%).

La tabella qui di sotto mostra la variazione, regione per regione, della velocità di connessione nel corso del 2020 considerando il periodo pre-lockdown e il periodo del lockdown. La quarta colonna mette in evidenza la variazione del numero di test effettuati da utenti che dichiarano di avere a disposizione una connessione con velocità nominale di almeno 100 Mega.

Connessione a 100 mega: la fibra comincia a prender piede

Il lockdown ha spinto diverse famiglie a puntare sul miglioramento della qualità della connessione ad Internet. Il numero di utenti che dichiara di avere una connessione con velocità nominale pari ad almeno 100 Mega è, infatti, in costante crescita. Le dichiarazioni rese dagli utenti al momento dello speed test confermano, infatti, una crescita generalizzata delle connessioni che sfruttano le tecnologie FTTC e FTTH.

Tra le regioni in cui si registra una crescita maggiore delle connessioni caratterizzate da una velocità massima in download nominale di almeno 100 Mega  troviamo Friuli Venezia Giulia (+187,50%), Puglia (+180%), Veneto (+153, 25%), Campania (+125,25%), Abruzzo e Basilicata (+100%).

Commenti Facebook: