Infostrada Wind: cambio condizioni contrattuali

Wind Infostrada tra Dicembre e Gennaio ha modificato le condizioni contrattuali sia per gli utenti privati che per quelli business.

La comunicazione delle variazioni è avvenuta all’interno delle fatture emesse e come prevede l’art. 70 comma 4 del Codice delle Comunicazioni Elettroniche è possibile recedere senza costi aggiuntivi entro 30 giorni dalla ricezione della fattura.
Le variazioni riguardano:

  • “Obblighi del Cliente”

– 4.1 Il Cliente ha l’obbligo di utilizzare il Servizio nel rispetto delle leggi, dei regolamenti vigenti e delle Condizioni generali di Contratto. Qualsiasi uso difforme del Servizio configura inadempimento del Cliente, con risoluzione automatica del Contratto, visto l’art. 1456 c.c., fatto salvo il risarcimento integrale dei danni conseguenti.
– 4.2 Il Cliente ha l’obbligo di non utilizzare i Servizi in modi o per scopi illeciti o per fini di lucro e terrà indenne Infostrada da ogni conseguenza derivante da illecita fruizione propria o di altri.
– 4.3 Il Cliente deve attenersi ai criteri di buona fede e correttezza nell’uso e nella fruizione del Servizio astenendosi dal conseguire vantaggi diversi da quelli connessi alla personale fruizione del Servizio quali, a titolo di esempio, avvalersi di artifici per conseguire o far conseguire a terzi, o ad altre numerazioni, ricariche, o accrediti di traffico. Nei casi indicati Infostrada si riserva la facoltà di sospendere il Servizio e di addebitare al Cliente gli importi corrispondenti al traffico non correttamente tariffato, ferma restando la facoltà di adottare ogni altra misura di tutela.

  • “Obblighi di Infostrada”

– 5.4 Infostrada, potrà eseguire adattamenti preventivi della banda con finalità puramente tecniche di controllo della congestione, di ottimizzazione dell’uso della rete e di stabilità della linea, all’unico scopo di garantire un servizio uniforme, omogeneo ed una maggiore qualità del servizio ADSL.

  • “Corrispettivi – Fatturazione – Pagamenti”

– 11.8 Qualora il Cliente non provveda al pagamento entro 20 giorni dall’avvenuta sospensione, Infostrada potrà risolvere il presente Contratto ai sensi dell’art. 1456 cod. civ. salvi eventuali ulteriori rimedi di legge. In tal caso, al Cliente sarà inoltre addebitato un importo pari ai costi di disattivazione sostenuti da Infostrada per la cessazione della linea quantificati in € 40, fatto salvo il risarcimento dell’eventuale ulteriore danno.

  • “Traffico anomalo”

– 17.1 In caso di effettuazione di un anomalo volume di traffico per direttrice o volumi rispetto al profilo medio della tipologia di Cliente a cui l’offerta è indirizzata, Infostrada si riserva il diritto di sospendere, in via precauzionale e nell’interesse del Cliente, il Servizio. La sospensione potrà essere totale o parziale, previo comunicazione con qualsiasi mezzo, anche mediante contatto telefonico o invio di e-mail . Tale facoltà non costituisce in nessun modo un obbligo da parte di Infostrada che conserva il diritto di pretendere il pagamento del traffico svolto mediante la linea, ovvero le linee, del Cliente indipendentemente dall’anomalia relativa al volume di traffico generato, anche con emissione di fattura anticipata.
– 17.3 Il Servizio verrà ripristinato non appena il Cliente avrà manifestato la propria disponibilità ad assumersi l’onere relativo al traffico svolto attraverso la sua linea ed avrà prestato le garanzie eventualmente richieste da Infostrada.
– 17.4 In caso di piano tariffario flat, verificata l’effettuazione di traffico anomalo, per direttrice o volumi, secondo le previsioni del precedente art. 17.1, Infostrada potrà comunicare la sostituzione dell’offerta tariffaria sottoscritta con altra di tipo diverso semiflat o a consumo. Il Cliente avrà facoltà di recedere con effetto immediato senza l’applicazione di costi connessi al recesso.

Per esercitare il diritto di recesso basta inviare una raccomandata con ricevuta di ritorno a:

Wind Telecomunicazioni SpA – Servizio Disdette
Casella Postale 14155
Ufficio Postale Milano 65
20152 Milano.

rada tra Dicembre e Gennaio ha modificato le condizioni contrattuali sia per gli utenti privati che per quelli business.

La comunicazione delle variazioni è avvenuta all’interno delle fatture emesse e come prevede l’art. 70 comma 4 del Codice delle Comunicazioni Elettroniche è possibile recedere senza costi aggiuntivi entro 30 giorni dalla ricezione della fattura.
Le variazioni riguardano:

  • “Obblighi del Cliente”

– 4.1 Il Cliente ha l’obbligo di utilizzare il Servizio nel rispetto delle leggi, dei regolamenti vigenti e delle Condizioni generali di Contratto. Qualsiasi uso difforme del Servizio configura inadempimento del Cliente, con risoluzione automatica del Contratto, visto l’art. 1456 c.c., fatto salvo il risarcimento integrale dei danni conseguenti.
– 4.2 Il Cliente ha l’obbligo di non utilizzare i Servizi in modi o per scopi illeciti o per fini di lucro e terrà indenne Infostrada da ogni conseguenza derivante da illecita fruizione propria o di altri.
– 4.3 Il Cliente deve attenersi ai criteri di buona fede e correttezza nell’uso e nella fruizione del Servizio astenendosi dal conseguire vantaggi diversi da quelli connessi alla personale fruizione del Servizio quali, a titolo di esempio, avvalersi di artifici per conseguire o far conseguire a terzi, o ad altre numerazioni, ricariche, o accrediti di traffico. Nei casi indicati Infostrada si riserva la facoltà di sospendere il Servizio e di addebitare al Cliente gli importi corrispondenti al traffico non correttamente tariffato, ferma restando la facoltà di adottare ogni altra misura di tutela.

  • “Obblighi di Infostrada”

– 5.4 Infostrada, potrà eseguire adattamenti preventivi della banda con finalità puramente tecniche di controllo della congestione, di ottimizzazione dell’uso della rete e di stabilità della linea, all’unico scopo di garantire un servizio uniforme, omogeneo ed una maggiore qualità del servizio ADSL.

  • “Corrispettivi – Fatturazione – Pagamenti”

– 11.8 Qualora il Cliente non provveda al pagamento entro 20 giorni dall’avvenuta sospensione, Infostrada potrà risolvere il presente Contratto ai sensi dell’art. 1456 cod. civ. salvi eventuali ulteriori rimedi di legge. In tal caso, al Cliente sarà inoltre addebitato un importo pari ai costi di disattivazione sostenuti da Infostrada per la cessazione della linea quantificati in € 40, fatto salvo il risarcimento dell’eventuale ulteriore danno.

  • “Traffico anomalo”

– 17.1 In caso di effettuazione di un anomalo volume di traffico per direttrice o volumi rispetto al profilo medio della tipologia di Cliente a cui l’offerta è indirizzata, Infostrada si riserva il diritto di sospendere, in via precauzionale e nell’interesse del Cliente, il Servizio. La sospensione potrà essere totale o parziale, previo comunicazione con qualsiasi mezzo, anche mediante contatto telefonico o invio di e-mail . Tale facoltà non costituisce in nessun modo un obbligo da parte di Infostrada che conserva il diritto di pretendere il pagamento del traffico svolto mediante la linea, ovvero le linee, del Cliente indipendentemente dall’anomalia relativa al volume di traffico generato, anche con emissione di fattura anticipata.
– 17.3 Il Servizio verrà ripristinato non appena il Cliente avrà manifestato la propria disponibilità ad assumersi l’onere relativo al traffico svolto attraverso la sua linea ed avrà prestato le garanzie eventualmente richieste da Infostrada.
– 17.4 In caso di piano tariffario flat, verificata l’effettuazione di traffico anomalo, per direttrice o volumi, secondo le previsioni del precedente art. 17.1, Infostrada potrà comunicare la sostituzione dell’offerta tariffaria sottoscritta con altra di tipo diverso semiflat o a consumo. Il Cliente avrà facoltà di recedere con effetto immediato senza l’applicazione di costi connessi al recesso.

Per esercitare il diritto di recesso basta inviare una raccomandata con ricevuta di ritorno a:

Wind Telecomunicazioni SpA – Servizio Disdette
Casella Postale 14155
Ufficio Postale Milano 65
20152 Milano.

Commenti Facebook: