Incidente: il tuo assicuratore deve aiutarti

Con l’indennizzo diretto, introdotto nel 2007, se subisci un incidente, il tuo assicuratore deve aiutarti a ottenere un risarcimento rapido ed equo. Questa procedura Rc auto scatta purché l’altro veicolo che abbia causato danni alle cose trasportate di tua proprietà, al veicolo o lesioni non gravi alla tua persona. Deve trattarsi di lesioni alla persona con invalidità permanente non superiore al 9%. L’incidente deve aver coinvolto soltanto due veicoli entrambi identificati, regolarmente assicurati e immatricolati in Italia.

Rimborso Rca, quali i passi giusti

Come fare

La richiesta di risarcimento potrà essere consegnata a mano al tuo assicuratore oppure inviata mediante lettera raccomandata con avviso di ricevimento. Sono sempre più le Assicurazioni che accettano l’invio tramite posta elettronica. Anche se questa è una questione sempre delicata: magari, in un’eventuale causa, l’email potrebbe non essere considerata alla stessa stregua della raccomandata.

Per questo, suggeriamo quest’ultima. Il tuo assicuratore è obbligato a formulare offerta di risarcimento entro 60 giorni dall’invio della richiesta per i danni alle cose o al veicolo ed entro 90  giorni per i danni alla persona. Il termine si riduce a 30 giorni se tu e il conducente dell’altro veicolo avete  sottoscritto congiuntamente il modulo blu, quello della constatazione amichevole.

Massima attenzione

Occhio però: il Modulo blu deve essere preciso e dettagliato, compilato in ogni sua parte. Se così non è, allora la tua Compagnia ha diritto a chiedere l’invio di nuova documentazione. E i giorni scattano solo da quando la Compagnia riceve tutto quello di cui necessita. Per predisporre la richiesta puoi rivolgerti al tuo assicuratore  che è tenuto a fornirti tutta l’assistenza necessaria anche ai fini della quantificazione dei  danni alle cose ed al veicolo: lo dice la legge.

Ed è proprio qui che puoi valutare se la tua Compagnia è valida o no, se ti aiuta nei momenti più delicati (sei sotto stress dopo un sinistro), se la valutazione e la proposta di indennizzo sono in linea con le tue attese.

In base al contratto Rc auto, la Compagnia è titolare della gestione della controversia con l’altro guidatore coinvolto nel sinistro: può procedere, in caso di incidente non rientrante nella procedura di indennizzo diretto (magari perché sei parzialmente colpevole del sinistro), alla trattazione con la controparte.

Alla fine, il risarcimento diretto non è solo una procedura che ti fa avere il rimborso dei danni in modo rapido, ma è anche uno strumento per dare un giudizio della tua Compagnia. Che sia rapida nell’aiutarti in caso di sinistro, e lesta nell’indennizzo. Rammenta anche che, se dichiari di accettare la somma che ti viene offerta, l’assicuratore è tenuto ad effettuare il pagamento entro 15 giorni.

Se così non fosse, avrai un valido motivo per cambiare Compagnia: sul mercato ce ne sono un centinaio, basta cercarle, spuntando un buon prezzo Rc auto.

Confronta assicurazioni auto 

Commenti Facebook: