Incidente: come conservare la classe di merito

Esiste una procedura molto semplice per evitare batoste economiche: potete metterla in pratica quando causate un sinistro. L’obiettivo è evitare il malus, ossia che si salga di una classe di merito. Così, la Rca non rincara l’anno successivo. Entriamo ora nel dettaglio.

Rca, alla larga dalle legnate

Per contratto

Quasi tutti i contratti Rca lo prevedono: potete conservare la classe di merito in caso di incidente causato. E se la vostra Assicurazione non lo consente, cambiate Compagnia: avete una valida ragione per dirle addio.

Qualora previsto, potete conservare la classe di merito anche a seguito di sinistro o di sinistri risarciti dalla vostra Compagnia: le condizioni contrattuali generalmente prevedono la possibilità per l’assicurato di rimborsare all’Assicurazione l’importo dei sinistri con responsabilità principale del conducente.

Danno minimo

Questa è un’opportunità da utilizzare nei casi di sinistri con responsabilità principale del conducente di modesta entità. Il calcolo è facile: di quanto rincara la Rca? E qual è l’ammontare del danno? Se il secondo è inferiore al primo, risarcite il danneggiato.

Se il danno è leggermente superiore al rincaro, ricordate che quel rialzo tariffario si spalma negli anni e farete fatica a riguadagnare la vecchia classe di merito: quindi, può essere conveniente risarcire il danno.

Alla fine, tenete presente che è molto importante mantenere un curriculum assicurativo pulito, così da ricevere valide proposte tariffarie dalle altre Assicurazioni.

La comunicazione della Compagnia

Importante: la Compagnia deve inviarvi la comunicazione che (unitamente all’attestato di rischio) almeno 30 giorni prima della scadenza annuale.

Dovrà contenere i sinistri con responsabilità principale del conducente rientranti nella procedura di risarcimento diretto. Dovrà esserci il numero dei sinistri, la data di accadimento, il nominativo delle parti coinvolte.

Ma soprattutto, quel documento dovrà dirvi le modalità da seguire per richiedere direttamente o per il tramite dell’agente, l’ammontare dell’importo pagato.

Stanza di compensazione

Decisiva la Stanza di compensazione: lì dove le Assicurazioni “regolano” i conti fra loro, in base ai risarcimenti effettuati. Questa Stanza darà le informazioni circa le modalità da seguire per effettuare il rimborso. Vi comunicherà la classe di merito (interna e corrispondente CU) in cui verrete riclassificati. Più il premio da pagare per l’annualità successiva.

Confronta assicurazioni auto 

Commenti Facebook: