In tempo di crisi gli italiani preferiscono il conto deposito

Nonostante la crisi che da mesi ormai si fa sentire feroce gli italiani non smettono di investire anche se senza dubbio cambia lo strumento che viene privilegiato. Se fino a qualche anno fa’ le azioni in borsa rappresentavano la scelta più diffusa oggi vengono preferite forme di investimento meno rischiose e di sicuro guadagno come il conto deposito.

La relazione annuale Consob

Come ogni anno Consob, la Commissione Nazionale per le Società e la Borsa, ha presentato il rapporto relativo all’andamento di settore del 2012, prendendo in considerazione vari aspetti che inevitabilmente influenzano il settore finanziario primo fra tutti la crisi economica che ad oggi non sembra placarsi e che spinge gli italiani a concentrarsi su strumenti che presentano meno rischio e che garantiscono un rendimento sicuro dei propri risparmi.

confronto conti depositoDalla relazione è emerso che gli investimenti in borsa non rappresentano più il primo strumento per chi vuole investire e tantomeno per tutti coloro che vogliono mettere al sicuro i propri risparmi che sempre più si affidano a libretti postali o meglio ancora a conti deposito. Quest’ultimo viene scelto da sempre più persone per la sua facilità di gestione e per la sua affidabilità. Questa tendenza ha portato ad una crescita esponenziale delle aperture di questi strumenti di gestione del denaro che dal 2007 ha registrato un 10% in più.

Questa tendenza ha quindi fatto registrare una forte inflessione per quanto riguarda non solo azioni di borsa ma anche polizze e fondi pensione che sempre meno vengono scelti come garanzie dai risparmiatori. Proprio il portafoglio azionario delle famiglie italiane dal 2007 si è praticamente dimezzato passando da un 10% a poco più del 5%. Nonostante questi dati allarmanti i titoli di Stato sono lievemente cresciuti aumentando di circa il 3%. Un dato positivo è però emerso dalla relazione Consob ossia il fatto che l’Italia è ancora fra le nazioni dove ancora si investe, cambiando strumento ma vincolando e spostando le proprie somme alla ricerca di una rendita, e sono molto meno indebitati di altri popoli europei come quello tedesco.

Conti deposito, quali sono i vantaggi

Più volte attraverso SosTariffe.it abbiamo avuto modo di parlare dei vantaggi che il conto deposito presenta e garantisce a chiunque voglia parcheggiare i propri fondi in attesa di investimenti. Primo fra tutti è l’alto tasso di rendimento, se confrontato con altri strumenti finanziari come il conto corrente e libretto postale, che si può ottenere vincolando le proprie somme per un determinato arco temporale. All’interno del nostro comparatore di SosTariffe dedicato ai conti deposito, si possono trovare le migliori offerte disponibili che possono essere confrontate fra loro per trovare il prodotto che meglio si adatta alle nostre esigenze e necessità.

Confronta Conti Deposito

Un altro notevole vantaggio dei conti deposito è la facilità di gestione. Un conto deposito infatti può essere gestito direttamente online e il collegamento diretto con il conto corrente di riferimento consente di poter versare le somme senza alcun disagio e senza nemmeno recarsi allo sportello della filiale bancaria.

Conti deposito, quali le migliori offerteconfronto conti deposito

Senza dubbio fra i conti deposito quelli che propongono un vincolo temporale sono anche i più redditizi in termini di tasso di interesse. Ipotizzando un deposito di 15 mila euro andiamo a vedere quali sono i prodotti più convenienti attivabili in pochi minuti.

Per conti deposito senza alcun vincolo temporale due sono le proposte del comparatore di SosTariffe entrambe con 1% di interessi lordi e capitalizzazione al 31 dicembre ossia Che Banca! Conto deposito e InMediolanum.

Scopri il conto CheBanca!

Ponendo un vincolo di 3 mesi InMediolanum propone un tasso di interesse al 2,1%, Che Banca! Conto Deposito all’1,75% mentre Fineco con CashPark Vincolato 0,75% che diventa 0,50% per la versione svincolabile.

Scopri il conto InMediolanum
Vincolando la somma per 6 mesi da non perdere sono Che Banca! Conto Deposito con tasso lordo al 2,25% e interessi anticipati, InMediolanum co tasso al 2,20%, CashPark di Fineco Vincolato all’1% e Svincolabile allo 0,75% e Conto Deposito Futuro di Banca Etica con tasso allo 0,50%.

Scopri il conto CashPark Vincolato

Scegliendo di bloccare le somme per 12 mesi i tassi di interesse diventano ancora più vantaggiosi con Che Banca! Conto Deposito con tasso lordo al 2,75% e interessi anticipati, InMediolanum con tasso al 2,80%, CashPark di Fineco nella versione Vincolato al 2% e Svincolabile all’1,50% ed infine Conto Deposito Futuro di Banca Etica allo 0,70%.

 

Per vincoli di 24 mesi Conto Deposito Futuro di Banca Etica offre un tasso di interesse all’1% con capitalizzazione finale.

Inserendo i vari parametri del prodotto ideale che stiamo cercando all’interno del nostro comparatore di SosTariffe potremo trovare quello che più si adatta alle nostre esigenze individuando anche eventuali e vantaggiose alternative e approfittando di particolari e vantaggiose offerte.

 

 

 

 

Commenti Facebook: