In Piemonte per le PMI l’energia costa meno

Se le tasse sui rifiuti (TARSU e TIA) continuano ad aumentare, raggiungendo quasi il +5% per i ristoranti, e se anche l’acqua fa segnare un incremento rispetto agli scorsi anni, buone notizie per le imprese piemontesi arrivano dall’energia. Una ricerca di Unioncamere Piemonte, che ha monitorato l’andamento delle tariffe per le imprese della Regione nei centri superiori ai cinquemila abitanti, ha infatti rilevato una diffusa contrazione per la bolletta della luce.

Energia
Salgono le tariffe per acqua e rifiuti, scende la bolletta della luce

La diminuzione di prezzo per l’energia elettrica è stata infatti del 5,0% per i commercianti, poco meno, il 4,9%, per gli artigiani, il 3,8% per i centri commerciali e infine il 3,5% in meno per le imprese manifatturiere. Situazione molto meno rosea per le forniture idriche, che variano moltissimo in base alle tariffe scelte dai Comuni: si va da una spesa media annua di 11.502 euro per chi impone le condizioni meno onerose a quasi il doppio, 20.819, per i centri che hanno le tariffe più elevate, con uno scarto dell’80%.
Confronta offerte energia
Il calo del prezzo dell’energia, rilevato da tre diverse rilevazioni trimestrali effettuate su micro, piccole e medie imprese del Piemonte, è da imputarsi alla diminuzione delle quotazioni del petrolio di circa il 6%, dovuta anche al più vantaggioso cambio euro/dollaro.

Commenti Facebook: