In Italia causa crisi si mangia sempre meno pesce, latte e carne

Tra gli effetti della crisi economica e il calo del potere di acquisto delle famiglie italiane c’è il taglio nei consumi alimentari, che tornano indietro oltre 30 anni. Cambia anche la composizione della spesa, con una diminuzione nel consumo di pesce, latte, pasta, carne, olio d’oliva extravergine e ortofrutta, con conseguenze molto negative per le aziende del settore. Gli italiani fanno sempre più spesa ai discount, e crescono gli allarmi alimentari.

come risparmiare sulla spesa alimentare
In Italia si acquistano sempre di più alimenti a basso costo anziché carne o latte. Ecco come risparmiare

Secondo un recente studio della Coldiretti, i consumi di alimenti e bevande in Italia continua a scendere anche nel 2014, dopo aver raggiunto nel 2013 una spesa alimentare di soli 1.638 euro all’anno, il valore più basso sin da oltre 30 anni.

Sin dal dopoguerra, spiega la Coldiretti, il valore della spesa alimentare per abitante era sempre stato in crescita, con un importo massimo nel 2006. Ma poi ha cominciato a crollare progressivamente ogni anno, fino al calo record nel 2013.

L’anno scorso, secondo i dati Ismea, le famiglie hanno tagliato i consumi alimentari complessivamente del 4% rispetto al 2012, con taglio soprattutto nel pesce fresco (-20%), la pasta (-9%), il latte (-8%), l’olio di oliva extravergine (- 6%), l’ortofrutta (- 3%) e la carne (-2%), intanto che è aumentato soltanto il consumo di uova (+2%).

La Coldiretti sottolinea come la spesa alimentare ha privilegiato l’acquisto di materie prime di base (farina +7%, miele +12%, preparati per dolci +6%). Per quanto riguarda soprattutto questi ultimi, molto probabilmente sono aumentati per preparare a casa alcuni cibi che prima si acquistavano già pronti, quali merendine o gelati (in calo del 3% e il 7%, rispettivamente).

In aumento l’acquisto nei discount e gli allarmi alimentari

Cresce in Italia anche l’acquisto di alimenti a basso prezzo in vendita nei discount (+1,6%). In effetti, non è possibile rinunciare agli acquisti alimentare, come è successo per l’abbigliamento o gli automobili. Ma quello che è accaduto, spiega la Coldiretti, è un importante spostamento verso i prodotti a basso costo per cercare di risparmiare.

Tuttavia, spesso in questi prodotti si nascondono ricette modificate, ingredienti di bassa qualità o metodi di produzione alternativi, che possono essere i responsabili – almeno in parte – dell’aumento degli allarmi alimentari in Italia nel 2013 (+14%). L’anno scorso infatti sono state registrate 534 notifiche sulla sicurezza di alimenti e bevande potenzialmente dannosi per la salute, sulla base del sistema europeo di allerta rapido per alimenti e mangimi (RASFF).

Si tratta di un record nelle notifiche nazionali al sistema di allerta comunitario per la prevenzione dei rischi alimentari, rispetto al 2007, ovvero prima dell’inizio della crisi. La Coldiretti conclude sottolineando che solo una minoranza di allarmi è dovuta a prodotti italiani.

Tagliare le spese domestiche per migliorare la spesa alimentare

Tagliando le spese domestiche,  quali le bollette del Gas, Energia elettrica, telefono e ADSL, è possibile disporre di una maggior liquidità per migliorare la spesa alimentare.

SosTariffe.it ha indagato molto al riguardo e pubblicato numerosi osservatori, grazie ai quali possiamo affermare che cambiando fornitore è possibile risparmiare fino a 1.200 euro all’anno.

In effetti, uno degli ultimi osservatori del 2013 -“Cambiare gestore diventa ancora più conveniente“- ha dimostrato che è aumentata la convenienza nel cambiare gestore, con un incremento dell’entità del risparmio in bolletta fino al 45,5% in più rispetto al 2012.

Così, è possibile oggi risparmiare circa 100 euro con una nuova tariffa gas, più di 100 euro cambiando gestore luce e oltre 400 euro con le migliori offerte ADSL + Telefono Fisso.

Nel caso della luce e il gas, va ricordato che il passaggio al mercato libero e l’attivazione è sempre gratuita, e molte volte anche per l’ADSL; in più, per tutti i casi la procedura può essere eseguita semplicemente online.

Per tagliare le bollette, quindi, basta scegliere l’offerta luce, gas e ADSL che meglio si adattano al vostro profilo. Per identificare queste offerte rapidamente, vi consigliamo di utilizzare il comparatore di tariffe di SosTariffe.it, che prende in considerazione tutti i parametri che compongono le diverse offerte e trovare con alcuni semplici click quella più conveniente per voi.

Confronta Offerte Energia Elettrica

Commenti Facebook: