In flessione i prestiti alle famiglie

L’Associazione Bancaria Italiana, nel suo rapporto del mese di maggio, conferma ancora una flessione dei prestiti a famiglie e imprese. La variazione annua, in effetti, è pari a -3,1% a maggio 2013, lo stesso valore di aprile 2013. L’andamento negativo dei finanziamenti è comunque in linea con l’evoluzione delle principali grandezze macroeconomiche (Pil e Investimenti), e questa tendenza è generalizzata nei principali Paesi dell’UE

Richiedi un preventivo per il tuo prestito

L’ABI spiega nel suo ultimo rapporto che “il rallentamento della dinamica dei prestiti è generalizzato in tutti i principali paesi europei, con l’eccezione della Francia. In particolare, laddove si considerino le dinamiche dell’indice di intensità creditizia, cioè del rapporto tra credito e Pil, in modo da tener conto della diversa intonazione del ciclo reale dei diversi paesi dell’Area Euro, si rileva che nel primo trimestre del 2013 il dato italiano (-0,6%) si colloca non solo al di sopra del dato medio di Area (-1,4%), ma anche al di sopra del dato tedesco (-1,1%) e ovviamente di quello spagnolo (-7,4%). Solo l’esperienza francese presenta connotati migliori (+0,6%)”.

Nel mese scorso sono stati erogati prestiti dalle banche operanti in Italia per un ammontare di 1.893,5 miliardi di euro. La rischiosità dei prestiti continua ad essere alta (le sofferenze nette hanno toccato ad aprile 2013 quota 66,4 mld, le lorde 133,3 mld); il rapporto sofferenze nette su impieghi totali è pari al 3,5% ad aprile (3,4% a marzo 2013; 2,6% ad aprile 2012).

Il rapporto sofferenze lorde su impieghi risulta del 6,8% ad aprile 2013 (5,5% un anno prima), e raggiunge il 12,5% per i piccoli operatori economici (10,4% ad aprile 2012), il 10,6% per le imprese (8,1% un anno prima) ed il 5,9% per le famiglie (5% ad aprile 2012).

Nel mese scorso, infine, i tassi di interesse sui prestiti sono sempre in calo e rimangono ancora su livelli bassi: il tasso medio sul totale dei prestiti è risultato pari al 3,75% (-3 centesimi rispetto il mese precedente e -28 punti base rispetto a maggio 2012). Il tasso medio sulle nuove operazioni per acquisto di abitazioni è al 3,67% (dal 3,72% del mese precedente).

Commenti Facebook: