Impianto solare termico, come funziona?

Il sole produce una gran quantità di energia, che però si presenta poco concentrata, e quindi occorre “raccoglierla”. Purtroppo è ancora difficile convertire con efficienza l’energia solare in energia elettrica usufruibile. Ci sono però delle tecnologie disponibili che nell’ultima decade si sono sviluppate notevolmente. In Italia, le condizioni meteorologiche sono ottime per l’utilizzo dell’energia solare. Vediamo quindi come funziona un impianto solare termico.

come funziona l'impianto solare termico

Nel nostro Paese abbiamo tutto il sole necessario per sfruttare bene l’energia solare. Ai fini termici, è importante la somma delle radiazioni durante tutto l’anno; circa il 75% dell’energia irradiata in Italia è attribuibile ai mesi estivi (da aprile a settembre), con un divario Nord-Sud di circa il 40%.

Tutta quest’energia solare può essere sfruttata per generare calore grazie all’impianto solare termico. Questo impianto scalda un fluido termovettore all’interno di un circuito che lo trasporta ad un accumulatore; in questo serbatoio l’energia del sole viene immagazzinata per essere utilizzata successivamente, ovvero quanto se ne ha bisogno.

In questa maniera, l‘impianto solare termico trasforma la radiazione solare in calore, e non in energia elettrica come accade con i pannelli fotovoltaici. Questi ultimi, in effetti, convertono la luce del sole in elettricità, che può essere utilizzata in un secondo momento per il riscaldamento.

Una terza tecnologia che sfrutta l’energia del sole è il Panello Solare a Concentrazione, che concentra i raggi solare su un adeguato ricevitore e poi si riscalda una caldaia.

Tipi di impianti solare termici

Ci sono due tipi di collettori o impianti termici: quelli a circolazione naturale e quelli a circolazione forzata.

collettori a circolazione naturale utilizzano l liquido contenuto negli impianti per consentire la circolazione all’interno di una struttura di panelli di calore. Così, la cisterna di accumulo che possiede lo scambiatore di calore dovrà necessariamente collocarsi in cima all’abitazione, da dove verrà distribuita alle utenze domestiche.

Invece, i collettori a circolazione forzata sono forniti di una pompa che fa circolare il fluido all’interno dell’impianto; in questa maniera, l’accumulatore può essere collocato in basso dei pannelli. Questo sistema è piuttosto più complesso rispetto quelli a circolazione naturale, ma consentono di posizionare la cisterna in qualsiasi posto e non necessariamente sul tetto, dove spesso può essere complicato date le dimensioni del serbatoio.

L’utilizzo più popolare dell’impianto solare termico è il riscaldamento dell’acqua domestica. In più, abbinati ad altre tecnologie, è possibile il loro utilizzo per il riscaldamento degli ambienti.

L’impianto solare termico ti sembra troppo costoso? Risparmia sulla bolletta del gas attivando una tariffa del mercato libero. Ad esempio, attivando E-Light Gas di Enel Energia, una famiglia numerosa con consumi gas/annuo di circa 2.100 m3 può risparmiare 205 euro all’anno rispetto la tariffa a Maggior Tutela.

Vai a E-Light Gas

Scopri quali sono le offerte gas che ti consentono di risparmiare mettendole a confronto con l’ausilio del nostro comparatore online gratuito ed indipendente.

Confronta Tariffe Gas

 

Commenti Facebook: