Iliad sarà il 4° operatore mobile low cost

Dopo la fusione Wind – Tre arriva in Italia Iliad, un nuovo operatore low cost che accoglierebbe il 10% del mercato telefonico, ma si propone di conquistarne il 25%. La compagnia francese punta alle offerte a prezzi ridotti, con molti GB da utilizzare ogni mese e una navigazione garantita in 4G. Prezzi dimezzati e una proposta che non teme i grandi operatori: ecco cosa proporrà Iliad, il 4° operatore mobile low cost.

iliad
Iliad lancerà in Italia offerte low cost con tanti GB in 4G

Iliad, il quarto operatore mobile low cost

Xavier Niel, fondatore della compagnia proprietaria dell’operatore francese Free Mobile, si prepara a lanciare le sue tariffe cellulari low cost nel nostro Paese sotto il nome di Iliad.
Confronta le offerte mobile attuali

Prima di dare il via all’unione Wind – Tre Italia, Bruxelles ha chiesto l’entrata di un nuovo operatore telefonico con l’obiettivo di riequilibrare la concorrenza nel mercato delle telco nazionale. Ecco perché Wind e H3G hanno dovuto cedere una serie di asset, che rappresentano meno del 10% della quota di mercato e di cui si è subito approfittata la compagnia francese per entrare nel mercato italiano con quel che sarà il quarto operatore mobile, Iliad.

Per l’azienda condotta da Niel, che fino a poco fa era azionista di Telecom, il nostro è un mercato promettente e l’arrivo di Iliad un’opportunità unica. In effetti, il nostro Paese è il 4° mercato europeo per quel che riguarda i ricavi da mobile, pari a 12,8 miliardi di euro nel 2015, nonché 8° economia mondiale con un mercato delle telco che vale ben 30 miliardi.

Un investimento di spessore per Iliad

Oltralpe il gruppo vanta 12,1 milioni di clienti nel segmento mobile, dove Free detiene il 17% del mercato e ben 6,3 milioni di abbonati alla banda ultralarga, il che si traduce in una quota di mercato del 24%. Grazie a queste cifre Free Mobile ha incassato 2,3 miliardi nel primo semestre del 2016, con un margine operativo lordo di 800 milioni e un investimento di 1,5 miliardi per rilevare gli asset da Wind e H3G, necessari per lo sbarco in Italia di Iliad.

Mentre costruisce la propria rete, Iliad avvierà la sua attività nel nostro territorio con le infrastrutture acquistate da Wind-H3G, ovvero frequenze mobili (35 MHz nelle bande 900 MHz, 1.800 MHz, 2.100 MHz e 2.600 MHz), che verranno rilasciate in maniera graduale nell’arco di due anni. Sono state rilevate anche basi per stazioni mobili, necessarie per raggiungere una coperture del 75% della popolazione, prevedendo una condivisione di rete per il restante 25%, nonché l’accesso alle reti 2G, 3G, 4G e alle nuove tecnologie. Si tratta di spese piuttosto considerevoli: solo per le frequenze Iliad ha investito 450 milioni di euro.

Tariffe low cost, molti GB e 4G

Iliad punta alle offerte low cost con tantissimi GB da utilizzare in 4G. Secondo l’amministratore delegato Iliad, Maxime Lombardini, «Molti operatori italiani hanno una buona copertura 4G (oltre il 90%), ma una proporzione molto bassa di abbonati 4G: il 19% per TIM contro il 33% della media delle nazioni europee occidentali (a fine 2015)».
Scopri le attuali offerte in 4G

La strategia di mercato sarà sicuramente simile a quella della Free Mobile in Francia. Con quest’operatore, i nostri vicini hanno a disposizione addirittura 50 GB al mese pagando solo 19,90 euro, una tariffa impensabile attualmente in Italia. Free, sul mercato francese sin dal 1999, oggi offre tariffe anche a 2 euro al mese.

Quanto costeranno le offerte Iliad? Niel ha parlato di prezzi inferiori del 10% a quelli attualmente più convenienti in Italia, «Ma si può probabilmente andare al di là», stando a quanto anticipato da Xavier Niel in un breve colloquio con il Sole24Ore.

Il lancio è previsto tra la primavera e l’estate del 2018 e c’è’ grande attesa da parte degli italiani, che sperano di poter contare sulle promesse Iliad: trasparenza, convenienza e abolizione dei costi nascosti.

Ci sono anche progetti nell’ambito della telefonia fissa, come spiegato dallo stesso Niel: «Ci sono discussioni in corso con Enel, che ha programmi particolarmente ambiziosi, e con altri. E quindi è molto probabile che l’offerta si allargherà al fisso».

In Italia, ha dichiarato l’imprenditore «il consumatore è maltrattato, poco rispettato. Con mille offerte che cambiano continuamente e tanti piccoli inganni, tanti trucchi, tante trappole. Ecco perché sono sicuro che la nostra proposta, che certo non posso anticipare e che comunque avrà il vantaggio di essere semplice e certa, sarà attrattiva».

La reazione degli altri operatori

Come hanno reagito all’ingresso di Iliad gli altri colossi del settore mobile? Per Aldo Bisio, Amministratore Delegato di Vodafone, il mercato italiano è già molto competitivo e non è facile per nessuno, nemmeno per le offerte low cost di Iliad: «Se guardiamo a quello che ha fatto in Francia non possiamo prenderlo sotto gamba. Certo le condizioni del mercato italiano sono diverse da quelle francesi, il livello di prezzi in Italia è già ipercompetitivo e quello riduce gli spazi possibili. Ci stiamo preparando all’ingresso di un nuovo operatore che porterà elementi di novità in un mercato già vitale e innovativo».

Vittorio Colao, CEO di Vodafone Group ricorda l’esperienza Blu ed è ancora più ottimista: «Siamo pronti a nuove strategie come i tagli dei prezzi e aumento del bundle dati, che Vodafone potrebbe schierare contro i pirati di Iliad. L’Italia ha già visto un fallito nuovo operatore nel mercato mobile. Blu, il quarto posto operatore, crollò e fu diviso da suoi rivali all’inizio di questo secolo. Uno dei pochi casi in cui un operatore decide di chiudere appena aperto. Tuttavia, non mi aspetto che Iliad subisca un destino simile».
Scopri le offerte Vodafone

La pensa uguale a Bisio Maximo Ibarra, CEO del Gruppo Wind – H3G. «Viviamo in un mercato molto competitivo. Il mercato italiano delle tlc è tra i più competitivi al mondo e siamo anche già abituati alla pressione sui prezzi».

Non siamo preoccupati“, ha aggiunto Ibarra spiegando che “non vogliamo sottovalutare, ma nemmeno sopravvalutare l’ingresso di un altro concorrente“. Per Wind e Tre adesso è tempo di andare avanti con la propria strategia commerciale, puntando a conquistare il mercato con i suoi due marchi consumer, Wind e Tre Italia, mentre il resto della compagnia rimarrebbe integrata.

TIM invece si prepara a combattere con le stesse armi. Flavio Cattaneo, Amministratore Delegato del Gruppo Telecom Italia, non ha paura e ricorda che TIM lotterà utilizzando un competitor diretto: «Siamo pronti. Abbiamo già avuto un Iliad in Italia. E’ stato chiamato Hutchison (ndr si riferisce a  Tre Italia). Noi ci prepariamo a lanciare un secondo marchio per competere direttamente con Iliad».

«Nei prossimi mesi – ricordava Cattaneo in un’intervista rilasciata lo scorso novembre e riferendosi a Kena Mobile – lanceremo un nuovo operatore di telefonia mobile con un nuovo marchio. L’operatore prima deve partire, quindi non si può pensare a un target di clienti. Il servizio sarà indirizzato a clienti essenzialmente attenti ai costi e che fa tutte le operazioni via web. Ci saranno pochi negozi, ma in tutta Italia. Lo lanceremo tra un po’ di tempo, ci sarà il nome, i test sono già pronti e partiti. E’ l’arma giusta contro un discount».

Kena Mobile e la lotta tra i low cost

Il nuovo operatore mobile low cost di TIM è già stato annunciato ufficialmente poche settimane fa, e il suo lancio è previsto per quest’estate.

Kena Mobile punta tutto sui prezzi, con piani tutto compreso con chiamate, internet ed SMS ad un costo che – si dice – non raggiungerebbe i 10 euro al mese.

Con un logo lanciato poco fa, che rappresenta il simbolo stilizzato del guerriero mitologico polinesiano Kena, il nuovo marchio targato TIM si prepara a una guerra senza precedenti nel mondo del discount telefonico italiano, per conquistare quella fetta di mercato che mira soprattutto ai prezzi bassi.
Le migliori offerte con tanti GB

Commenti Facebook: