Iliad problemi chiamate: cosa fare

Hai problemi a chiamare dal tuo numero Iliad? I motivi del disservizio possono essere molteplici ma a volte basta eseguire alcune semplici operazioni per ripristinare le telefonate con poco sforzo. Ecco la guida completa su come fare quando si hanno problemi con le chimate per i clienti dell'operatore francese

Iliad problemi chiamate: cosa fare

Iliad è tra gli operatori di telefonia mobile più affidabili in Italia. Le sue offerte sono trasparenti e non prevedono vincoli di durata, costi nascosti, rimodulazioni e limiti alla velocità di navigazione.

Confronta le offerte di Iliad »

Anche in tempi recenti, però, molti suoi clienti hanno lamentato problemi a livello di connettività. Sostanzialmente gli era impossibile non solo navigare in Internet da telefono ma anche avviare una semplice chiamata. A volte il problema nasce da un crollo della rete e in questo caso non resta che attendere che Iliad risolva il problema. In molti altri casi, invece, il problema non dipende dal provider e si può tornare a chiamare senza richiedere assistenza.

Iliad problemi chiamate: cosa fare

Quando risulta impossibile chiamare con Iliad ci sono alcune semplici verifiche e procedure da effettuare prima di richiedere supporto direttamente all’operatore francese. Di seguito vi spiegheremo nel dettaglio cosa fare per poter tornare a telefonare normalmente. Non servono particolari competenze tecniche, basta seguire poche e semplici istruzioni.

Verificare la copertura

In assenza di copertura da parte di Iliad risulta impossibile chiamare, ricevere SMS e navigare su Internet da mobile. L’operatore garantisce una copertura quasi totale del territorio italiano in 2G, 3G, 4G e 4G+.

Alcune aree del Paese non sono però coperte direttamente da Iliad. Nel caso in cui non si riesca a telefono si può tentare di spostarsi alla ricerca del segnale. Al momento la copertura dell’operatore è infatti carente in diverse aree della Sardegna, Calabria, Molise e in alcuni Comuni dell’arco alpino e delle zone più centrali della Penisola.

Iliad sta comunque lavorando da diverso tempo all’ampliamento della sua rete proprietaria e ha già ottenuto ottimi risultati. L’azienda infatti a dicembre ha annunciato di aver raggiunto con due mesi di anticipo l’obiettivo annuale per il 2020 per l’attivazione di 5.000 stazioni radio in Italia. Al 30 settembre erano invece più di 6.000 le antenne installate.

Riavviare il telefono

Quando qualcosa non va con il telefono, così come per molti altri dispositivi elettronici, la prima cosa da fare è quello di riavviarlo. Non sempre questa operazione permette di ottenere un risultato positivo ma è comunque un tentativo da non escludere a priori.

Per riavviare uno smartphone Android basta tenere premuto il tasto di accensione-spegnimento e fare tap poi su Riavvia.

Per i terminali iOS il procedimento è sostanzialmente identico. Su iPhone X, iPhone 11 e iPhone 12 bisogna tenere premuto contemporaneamente il tasto del volume e quello laterale finché non compare la barra di spegnimento. Fatto questo si deve trascinare il cursore e attendere 30 secondi che il dispositivo si spenga. Per riaccenderlo basta premere il tasto laterale sulla destra finché non compare il logo Apple.

Su iPhone SE (2° generazione), iPhone 8 e iPhone 6 per spegnere il dispositivo si deve tenere premuto il tasto laterale sulla destra. Su iPhone SE (1° generazione), iPhone 5 e modelli precedenti, invece, va premuto il tasto superiore.

Verificare se la connessione dati è attiva

La connessione dati è imprescindibile per poter telefonare. Per verificare che si attiva basta controllare che l’icona 4G o 3G sia presente, solitamente nell’angolo in alto a destra dello schermo. In caso contrario, si può attivarla in pochi secondi anche manualmente.

Su iOS la procedura è la seguente:

  • Accedere alle Impostazioni del dispositivo
  • Toccare Cellulare o Dati cellulare

Su Android la procedura è la seguente:

  • Accedere alle Impostazioni del dispositivo
  • Cliccare su Utilizzo dati o Reti mobili
  • Selezionare Connessione dati

Verificare di non aver esaurito il credito

Tutte le offerte di Iliad includono minuti illimitati per chiamare fissi e mobili in Italia e verso oltre 60 destinazioni all’estero. Nel caso in cui si abbia esaurito il credito residuo, però, le telefonate vengono bloccate fino a quando non si effettuare una ricarica.

Gli utenti Iliad possono verificare il credito residuo da web e mobile accedendo con nome utente e password all’Area personale sul sito dell’operatore. Fatto questo il saldo è disponibile nella sezione Consumi e credito. In alternativa, si può inviare un SMS con scritto “credito” o chiamare gratuitamente il numero 400. Dopo pochi secondi si riceverà un messaggio di risposta con il saldo.

Nel caso in cui il credito sia negativo si può ricaricare dall’Area Personale o utilizzando le Simbox pagando con carta di pagamento (Visa e Mastercard). Nei punti Sisal o Lottomatica si può pagare anche in contanti. Scegliendo l’addebito automatico si evita il rischio di restare senza credito, in quanto il costo del piano viene scalato ogni mese da una carta di pagamento o conto corrente SEPA.

Verificare non sia attiva la modalità aereo

La modalità aereo è una funzione ormai comune su tutti gli smartphone pensata per non interferire con i sistemi del veivolo quando si è in volo. La funzione infatti disattiva qualsiasi tipo di connessione dati e risulta impossibile chiamare o navigare in Internet. A volta può capitare di non disattivarla dopo un viaggio o di attivarla inavvertitamente.

La modalità aereo su telefoni Android può essere attivata e successivamente disattivata dal menu Impostazioni, tenendo premuto per qualche secondo il tasto di spegimento o scorrendo il dito dall’alto in basso per far comparire il centro di controllo.

Allo stesso modo la modalità aereo su iPhone si disattiva/attiva dalle Impostazioni cliccando su Uso in aereo o aprendo il centro di controllo e cliccando sull’apposita icona.

Reimpostare la ricerca della rete in automatico

La modalità aereo diventa utile anche per forzare la ricerca automatica delle rete 4G quando si risulta assente. Basta attivarla, attendere qualche secondo e poi disattivarla per costringere lo smartphone ad avviare la ricerca della rete. Quando comparirà l’icona 4G o 3G significa che il telefono è connesso.

Forzare la connessione 3G

Se risulta impossibile collegarsi alla rete 4G, in attesa di scoprire quale sia il problema si può comunque tornare a telefonare impostanza una connessione in 3G o 2G. La qualità della navigazione Internet e delle chiamate ne risentiranno ma almeno sarà possibile usufruire dei servizi del proprio operatore di telefonia mobile.

Per impostare la connettività 2G o 3G su iPhone o iPad è necessario:

  • Accedere alle Impostazioni del dispositivo
  • Cliccare su Cellulare o Dati cellulare
  • Cliccare su Opzioni dati cellulare
  • Selezionare Voce e dati
  • Selezionare 3G o 2G

Su Android la procedura è la seguente:

  • Accedere alle Impostazioni del dispositivo
  • Cliccare su Utilizzo dati o Reti mobili
  • Selezionare Connessione dati
  • Selezionare 3G o 2G

Contattare l’assistenza clienti

Quando nessuna delle procedure precedenti ha avuto esito positivo non resta che richiedere assistenza a Iliad. L’operatore dispone di diversi canali di contatto. Quello più rapido e che forse permette di ottenere un risultato più immediato è quello telefonico.

Per parlare con l’assistenza clienti bisogna chiamare il numero 177. Il servizio è attivo dal lunedi al venerdi dalle 8 alle 22, il sabato la domenica e i festivi dalle 9 alle 20. Dato che risulta impossibile chiamare da mobile si può farlo tranquillamente anche da telefono fisso o da un altro numero. In questo caso la chiamata non è però gratuita e viene tariffata a seconda del piano sottoscritto con l’altro operatore.

In alternativa, è possibile consultare le guide e le FAQ presenti nella sezione Assistenza sul sito dell’operatore. Qui potete trovare tutte le informazioni per risolvere la maggior parte delle difficoltà affrontate dagli utenti nella gestione dell’offerta dal lato tecnico.

Iliad offre supporto anche tramite i suoi canali social su Facebook e Instagram. In entrambi i casi basta recarsi sulla pagina ufficiale del provider e avviare una chat privata segnalando la difficoltà ad effettuare le telefonate. Solitamente un operatore vi ricontatterà entro pochi minuti.

Sostituire la SIM

I problemi con le telefonate potrebbero dipendere anche dal fatto che la SIM è deteriorata o danneggiata. Per verificarlo si deve provare a inserirla in un altro smartphone. Se la connessione dati è attiva e risulta possibile chiamare significa che non ci sono problemi con la SIM. In caso contrario, non resta che richiederne la sostituzione.

Per farlo bisogna contattare il servizio utenti al 117 e richiedere assistenza. In alternativa, è possibile sostituire la SIM in automanomia presso una delle 1.300 Simbox sparse nei numerosi punti vendita dell’operatore in Italia.

L’azienda dispone di 17 Iliad Store nei centri storici delle principali città (l’ultimo è stato inaugurato a Roma presso il centro commerciale Euroma2) e di oltre 400 Iliad Corner nella GDO e centri commerciali. Le Simbox sono strumenti assolutamente sicuri per quanto riguarda la possibilità di contagio da Coronavirus, in quanto non prevedono scambio di denaro né di documenti e riducono al minimo i contatti con altri clienti o gli addetti del punto vendita.

Il costo per la sostituzione della SIM è di 9,99 euro.

Commenti Facebook: