Il Web condanna la carta stampata

Negli Stati Uniti, Internet supera i quotidiani e le radio: cambiano i mezzi di comunicazione utilizzati per ottenere le notizie e il predominio della televisione scricchiola sempre di più.

WEB contro il QUOTIDIANO: Il 61% dichiara di ottenere le news attraverso la rete a fronte del 50% che legge le notizie sui giornali locali, spesso gratuiti, e del 17% che afferma di leggere giornalmente un quotidiano nazionale

MOBILE: addirittura il 33% consulta le notizie attraverso un dispositivo mobile

SOCIAL NETWORK: Il 37% degli utenti, attraverso la condivisione delle informazioni su Facebook e Twitter, contribuisce alla diffusione delle notizie e stimola conversazioni sociali.

NOTIZIE: le notizie più ricercate sono quelle di meteo (81%),  eventi nazionali (73%), salute e il benessere (66%), affari ed economia (64%), eventi internazionali (62%) e tecnologia con circa il 60%.

Il Web conferma la propria potenza, grazie alla disponibilità ageografica, all’immediatezza, alla versatilità, alla flessibilità e alla gratuità. La carta stampata è davvero destinata a morire?

Uniti, Internet supera i quotidiani e le radio: cambiano i mezzi di comunicazione utilizzati per ottenere le notizie e il predominio della televisione scricchiola sempre di più.

WEB contro il QUOTIDIANO: Il 61% dichiara di ottenere le news attraverso la rete a fronte del 50% che legge le notizie sui giornali locali, spesso gratuiti, e del 17% che afferma di leggere giornalmente un quotidiano nazionale

MOBILE: addirittura il 33% consulta le notizie attraverso un dispositivo mobile

SOCIAL NETWORK: Il 37% degli utenti, attraverso la condivisione delle informazioni su Facebook e Twitter, contribuisce alla diffusione delle notizie e stimola conversazioni sociali.

NOTIZIE: le notizie più ricercate sono quelle di meteo (81%),  eventi nazionali (73%), salute e il benessere (66%), affari ed economia (64%), eventi internazionali (62%) e tecnologia con circa il 60%.

Il Web conferma la propria potenza, grazie alla disponibilità ageografica, all’immediatezza, alla versatilità, alla flessibilità e alla gratuità. La carta stampata è davvero destinata a morire?

Commenti Facebook: