Il governo approva il piano di Crescita Digitale

Il Consiglio dei Ministri ha approvato la Strategia di Crescita Digitale 2014-2020. Un piano ambizioso, con il quale si cerca di supportare la realizzazione e l’offerta di servizi che possano rendere appetibile l’utilizzo e la sottoscrizione in ultrabroadband, e numerose altre azioni di riferimento.

Al via la nuova fase della Strategia di Crescita Digitale
Al via la nuova fase della Strategia di Crescita Digitale

Nella nota ufficiale con il quale il governo licenzia il pacchetto di interventi, il Consiglio ricorda che si tratta di “una strategia che punta alla crescita digitale di cittadini e imprese, anche utilizzando le leve pubbliche. Integrerà in modo sussidiario quanto realizzato o in fase di realizzazione sia nel settore pubblico, sia nel settore privato e, deve realizzarsi una piena sinergia con altre strategie pubbliche in essere, sia di pertinenza del governo nazionale sia di competenza regionale, per mettere utilmente “a sistema” obiettivi, processi e risultati”.

Confronta offerte Internet

Tra i tanti obiettivi indicati, l’obbligo dello switch off nella Pubblica Amministrazione, il percorso di centralizzazione della programmazione della spesa, il nuovo approccio architetturale basato su logiche aperte e standard, la condivisione e la trasparenza dei dati pubblici, nuovi modelli di partnership tra pubblico e privato, il coordinamento degli interventi di trasformazione digitale, la diffusione di cultura digitale e lo sviluppo di competenze digitali in imprese e cittadini e l’innalzamento dei livelli di affidabilità e di sicurezza.

Tra i principali simboli della nuova rivoluzione digitale annunciata, unitamente a paralleli interventi per migliorare le possibilità di accesso alla rete con ADSL casa o Internet in mobilità, la piattaforma Italia Login, destinata a diventare – così si legge nel documento – “la casa del cittadino su Internet”. In altri termini, un’unica piattaforma dove sono riassunti tutti i servizi a disposizione delle imprese e dei cittadini, dove ogni struttura della Pubblica Amministrazione può contribuire, per la propria area di competenza. Sul fronte user, ogni cittadino potrà accedere con le proprie credenziali digitali, assicurandosi tutte le informazioni e i servizi che lo riguardano.

Commenti Facebook: