Il condizionatore in bolletta costa 125 euro l'anno: come risparmiare in 8 mosse

Quanto pesa il condizionatore in bolletta? Come è possibile risparmiare nel rinfrescamento di casa? A queste domande dà una risposta la nuova indagine dell'Osservatorio SOStariffe.it e Segugio.it. L'indagine ha evidenziato i costi del condizionatore e ha raccolto una serie di metodi alternativi utili per rinfrescare casa.

Il condizionatore in bolletta costa 125 euro l'anno: come risparmiare in 8 mosse

Per rinfrescare casa durante l’estate è necessario fare i conti con un vero e proprio picco dei consumi di energia elettrica dovuti all’utilizzo del condizionatore. Quest’anno, però, utilizzare il condizionatore comporterà costi molto maggiori a causa della crisi energetica in corso. Il costo dell’elettricità sempre più alto e, a parità di utilizzo rispetto allo scorso anno, c’è da mettere in conto un incremento delle spese.

L’Osservatorio SOStariffe.it e Segugio.it ha evidenziato quelle che sono le soluzioni giuste per rinfrescare casa senza condizionatore. Grazie ai metodi evidenziati nel corso dell’indagine è possibile ridurre in modo significativo il peso del condizionatore in bolletta, fino anche ad azzerarlo. Risparmiare è possibile, nonostante la crisi energetica che sta condizionando il mercato in questi mesi.

Scopri qui le migliori offerte luce per tagliare la bolletta»

Quanto pesa il condizionatore in bolletta: una spesa extra da 125 euro all’anno

L’aria condizionata in casa comporta una sostanziale crescita dei consumi di energia elettrica durante il periodo estivo. L’effettivo impatto del condizionatore in bolletta dipende da vari fattori. L’efficienza di funzionamento (e quindi il consumo medio) del condizionatore è un elemento centrale della questione. Bisogna poi considerare il tempo di utilizzo oltre che le modalità (“spingere” troppo sulla temperatura obiettiva, abbassandola in modo significativo, comporterà una rapida crescita dei consumi).

In media, il condizionatore presenta un peso stimato in bolletta di circa 450 kWh all’anno. Per valutare il costo effettivo legato all’utilizzo del condizionatore è necessario moltiplicare il consumo annuo per il costo dell’energia (il prezzo della “componente energia” spesso indicato anche come “corrispettivo luce” dai fornitori). Considerando le migliori tariffe luce disponibili sul mercato a giugno 2022, l’impatto del condizionatore in bolletta è di circa 125 euro all’anno con la spesa extra che viene suddivisa quasi integralmente nel corso dei mesi estivi.

Il dato relativo alla spesa annua può salire facilmente. I fattori che determinano il consumo sono molteplici e bisogna poi considerare tutti quei casi in cui in casa ci sono due o più condizionatori. In questo caso, il peso in bolletta del rinfrescamento domestico dovuto all’aria condizionata sarà molto maggiore. Raggiungere una soglia di 200 euro di spesa all’anno non è certo un caso impossibile.

Le alternative al condizionatore: il ventilatore da soffitto riduce i consumi e rinfresca

Il ventilatore da soffitto è un dispositivo utile per il rinfrescamento domestico, da utilizzare in alternativa al condizionatore. L’utilizzo alternato del ventilatore con il condizionatore è una buona scelta per ridurre i consumi. Da notare, però, che c’è anche la possibilità di rimpiazzare il condizionatore con uno o più ventilatori in modo da spendere meno senza rinunciare ad un buon rinfrescamento. Si tratta di un’opzione a disposizione delle famiglie che mirano a ottimizzare i consumi dovuti al rinfrescamento domestico.

Il consumo annuo di un ventilatore da soffitto è pari a circa un decimo del consumo registrato da un condizionatore, a parità di tempo di utilizzo. Di conseguenza, è possibile stimare un risparmio in 110 euro in bolletta, considerando le offerte luce più convenienti del momento. Bisogna considerare, in ogni caso, la necessità di utilizzare il ventilatore in modo corretto, individuando la giusta posizione dove installarlo e evitando di utilizzarlo in una stanza in cui non c’è nessuno.

8 consigli pratici per contrastare il caldo in estate

Metodo alternativo  Vantaggio 
Ottenere una buona sensazione di rinfrescamento con un consumo di energia elettrica molto minore
Mantengono l’ambiente interno di casa il più fresco possibile, bloccando l’ingresso dei raggi solari, anche senza ricorrere all’utilizzo del condizionatore
Per assorbire parte del calore esterno
In modo da ridurre la sensazione di caldo in casa (per le case esposte su più lati)
Aria più fresca entrerà all’interno degli ambienti di casa per contrastare il caldo
Producono una quantità minima di calore rispetto alle lampadine ad incandescenza risultando più adatte all’utilizzo nelle ore serali delle giornate estive
Come cotture prolungate, apparecchiature elettriche che lavorano ad alta temperatura, etc. Il calore prodotto si traduce in un aumento della temperatura in casa.
Evita la dispersione di aria fresca, dall’interno all’esterno, e l’ingresso di aria calda, dall’esterno all’interno

Il caldo torrido estivo può essere contrastato anche con alcuni accorgimenti “a costo zero”. Senza ricorrere al condizionatore, infatti, è possibile mettere in pratica alcuni semplici rimedi per affrontare l’estate senza patire il caldo. Bastano davvero poche accortezze per ottenere dei risultati ottimali nella lotta contro le alte temperature estive.

Uno degli aspetti da considerare è la necessità di bloccare l’ingresso diretto dei raggi solari all’interno di casa. Questo può avvenire ricorrendo a tende, tapparelle e altri elementi in grado di rappresentare un ostacolo all’ingresso dei raggi solari. Bisogna, inoltre, posizionatore su balconi e finestre delle piante che andranno ad assorbire parte del calore irraggiato dal Sole.

È consigliabile, inoltre ombreggiare balconi e terrazzi e, per chi ha un giardino, piantare alberi, anche di piccole dimensioni, in modo strategico per sfruttare al massimo l’ombra durante la giornata. Tra gli aspetti da non sottovalutare c’è l’importanza delle correnti d’aria. È necessario sfruttare le correnti per ottenere un rinfrescamento naturale.

Per le case che hanno più esposizioni, quindi, le correnti d’aria sono una risorsa importante per contrastare il caldo. Tra i consigli per contrastare il caldo c’è la necessità di sfruttare l’aria più fresca delle ore notturne. Aprendo le finestre di sera, infatti, è possibile ottenere un buon ricambio d’aria e abbassare le temperature interne in casa.

Da valutare anche l’utilizzo di sistemi di illuminazione che minimizzano il calore prodotto. Conviene puntare sui sistemi di illuminazione LED che generano una minima quantità di calore rispetto alle lampadine ad incandescenza. Durante il periodo estivo, inoltre, è fondamentale evitare di utilizzare gli elettrodomestici e tutti i dispositivi che generano molto calore.  Anche le cotture prolungate sono sconsigliate.

Tra le opzioni a disposizione delle famiglie per contrastare il caldo torrido estivo c’è la possibilità di migliorare l’isolamento termico della casa. Questo può avvenire ricorrendo al cappotto termico per l’edificio o ad infissi specifici. Grazie ad una casa termicamente ben isolata è possibile contrastare il freddo in inverno ma anche limitare l’ingresso del calore durante l’estate.

Tagliare il peso del condizionatore in bolletta con le offerte del Mercato Libero e l’efficienza energetica

Per ridurre il peso del condizionatore in bolletta, oltre a ridurne l’utilizzo ricorrendo agli accorgimenti illustrati in precedenza, è possibile intervenire in vari modi. Tra le opzioni a disposizione degli utenti c’è la possibilità di affidarsi ad un condizionatore ad alta efficienza energetica che, a parità di utilizzo, garantisce un consumo molto contenuto. Questi dispositivi possono essere acquistati anche ricorrendo alle detrazioni fiscali (fino al 65% sul prezzo d’acquisto).

Da notare, inoltre, che è possibile ridurre il peso in bolletta del condizionatore grazie alle migliori offerte luce disponibili sul Mercato Libero. Queste soluzioni consentono di ridurre il costo dell’energia e, quindi, di ridurre l’importo finale da pagare anche senza ridurre il consumo effettivo di energia elettrica. Per individuare le tariffe più convenienti del momento è possibile affidarsi al comparatore di SOStariffe.it per offerte luce, disponibile anche tramite l’App di SOStariffe.it.

La scelta dell’offerta più adatta alla propria abitazione è immediata. Basta inserire una stima del proprio consumo annuo di energia elettrica (il dato è riportato in bolletta) all’interno del modulo di ricerca del comparatore. A questo punto, il sistema individuerà le tariffe migliori, segnalando all’utente le offerte da attivare per dare un taglio netto alle bollette.