I tassi di interesse dei mutui continuano a scendere

Viene confermata la tendenza dalla discesa dei costi legati ai mutui, mentre a gennaio sono risaliti i tassi applicati al credito al consumo. I finanziamenti alle famiglie hanno registrato un calo. Lo dice Bankitalia, sulla base delle principali voci dei bilanci bancari relativi all’anno scorso.

I dati di Bankitalia dipingono una realtà eterogenea
Richiedi un preventivo per il tuo prestito

Nel nostro Paese la situazione legata all’erogazione del credito è un po’ eterogenea. Il costo dei mutui scende e le erogazioni aumentano. Per contro i finanziamenti elargiti nel settore del credito al consumo hanno subito un aumento dei tassi di interesse.

I prestiti alle famiglie in particolare, hanno subito una contrazione dello 0,5% nell’arco dell’anno. Anche i finanziamenti alle società sono diminuiti, evidenziando quindi la persistenza del “credit crunch”, vale a dire la difficoltà delle imprese (società non finanziarie) a ottenere credito, che in tutto il 2014 è diminuito del 2,8%. A dicembre la riduzione è stata del 2,3%.

I prestiti al settore privato hanno subito una riduzione su base annua dell’1,8%, con un calo dell’1,6% a dicembre.
I tassi d’interesse, comprensivi delle spese accessorie, sui finanziamenti erogati nel mese alle famiglie per l’acquisto di abitazioni – è scritto in un comunicato della Banca d’Italia – sono stati pari al 3,06% (3,08 nel mese precedente); quelli sulle nuove erogazioni di credito al consumo all’8,71% (8,10% a dicembre)”.
Ottieni subito un finanziamento!

Commenti Facebook: