I fattori che influenzano la velocità dall’ADSL

Dopo aver stipulato un contratto per un abbonamento Adsl, poche cose sono più fastidiose del rendersi conto che la velocità, sia in download che in upload, è decisamente più bassa di quanto indicato nell’offerta. Nessuna truffa, perché quelle pubblicizzate sono le velocità massime, e nel contratto troverete anche la velocità minima che gli operatori sono indicati a rispettare, di solito assai più ridotta. Ma quali sono i fattori che possono ostacolare una corretta fruizione dell’Adsl?

Fibra ottica
Ecco i problemi più comuni e i modi per rimediare

Come ha mostrato un nostro recente studio, le grandi metropoli sono – ed è abbastanza intuibile – i luoghi dov’è più facile riuscire a rimediare una velocità di connessione almeno discreta. Va molto peggio in zone remote, con impianti non nuovi o comunque caratterizzati da una scarsa manutenzione. Volendo individuare gli ostacoli, possiamo ricordare i seguenti:

  • L’orario in cui si naviga e il numero di utenti connessi contemporaneamente
  • La tecnologia di trasmissione della rete
  • La configurazione dell’impianto telefonico e del modem (collegamento wireless o via cavo) installato a casa
  • La configurazione del pc hardware e software
  • Le condizioni climatiche
  • La quantità di applicazioni che assorbono banda e collegate contemporaneamente
  • Il browser utilizzato

L’orario in cui si naviga e il numero di utenti connessi contemporaneamente

Di sera ci sono dei veri e propri «picchi» di utenti, quando la giornata lavorativa o di studio si conclude e molte persone si collegano contemporaneamente. Questo può portare a una sorta di intasamento della rete che finisce con l’influenzare tutti. Non va diversamente quando – a prescindere dall’orario – ci si trova in una situazione di traffico elevato, magari perché in una determinata zona è presente solo un operatore che deve gestire più utenti di quanti preventivati. Vale anche per i siti, collegati anch’essi alla Rete: quando si verifica un picco abnorme di accessi, il server può non «reggere» più.

La tecnologia di trasmissione della rete

Il tipo di connessione influenza moltissimo la velocità finale. Se è naturale aspettarsi una connessione molto più veloce tramite fibra ottica rispetto a una con il vecchio doppino telefonico, non tutti forse si aspettano che le prestazioni del wireless siano spesso non paragonabili a quelle di un’Adsl. Se in una navigazione normale non si dovrebbero riscontrare problemi di sorta, cambia la situazione quando si impegna con un carico «pesante» la propria rete o si pretende una bassa latenza, ad esempio con lo streaming di un film ad alta definizione o con il gioco online. In questi casi, il cavo (fibra o Adsl) è difficilmente superabile come velocità e reattività, anche se WiMax e satellite stanno facendo passi da gigante. Discorso analogo per le connessioni mobile, influenzate dalla qualità della ricezione telefonica (e quindi destinate in parecchi casi ad essere piuttosto lente se in edifici vecchi e con muri molto spessi, zone isolate eccetera).
Confronta le offerte Adsl

La configurazione dell’impianto telefonico e del modem (collegamento wireless o via cavo) installato a casa

A volte in una connessione particolarmente lenta ci può essere lo zampino di una configurazione non ottimale del modem o dell’impianto. Per le reti Wifi, inoltre, va ricordato che esistono diverse tipologie con altrettante velocità: classe b (11 Mbps), g (54 Mbps) e n (fino a 300 Mbps). Se il vostro modem wifi si trova piuttosto distante dal computer e la vostra velocità di connessione è lenta, potrebbe non essere colpa dell’operatore; in questo caso è sufficiente acquistare un nuovo modem con caratteristiche più potenti in termini di trasmissione e copertura. In ultimo,  due cose: controllate che il firmware del modem sia aggiornato e che ogni presa dell’impianto telefonico di casa sia dotata di filtri Adsl. Sono deleterie anche le prolunghe telefoniche o un numero troppo elevato di prese derivate.

La configurazione del pc hardware e software e il browser utilizzato

Altre volte il problema può essere a valle, ovvero in una configurazione errata del PC. Sempre meglio controllare che non si siano stabiliti dei limiti alle velocità di upload e di download (può capitare ad esempio con i client per i torrent). Anche gli antivirus e i firewall a volte possono influenzare le prestazioni. Inoltre, è bene ricordare che un computer con caratteristiche tecniche troppo datate (soprattutto per RAM e processore) può essere già poco performante di suo e aumentare la sensazione di lentezza percepita. In questo senso, anche un browser vecchio può peggiorare l’esperienza d’uso, soprattutto per siti dinamici e di ultima generazione. Infine fate sempre in modo di avere l’ultima versione disponibile del sistema operativo installata sul vostro PC.

Le condizioni climatiche

Non dimenticate che anche le condizioni climatiche avverse (forti temporali, vento, elevata umidità) possono rallentare la connessione, soprattutto se la centralina o l’armadio non sono bene isolati.

La quantità di applicazioni che assorbono banda e collegate contemporaneamente

Questa spesso è la ragione numero di un calo di prestazioni non imputabile all’operatore. Avere troppe applicazioni aperte, soprattutto se onerose in termini di banda richiesta (ad esempio i client peer to peer), porta a un drastico rallentamento. Esistono appositi limitatori software proprio per non impedire del tutto l’uso del computer su Internet mentre si scarica o si carica un file di grandi dimensioni.

In ogni caso, il modo migliore per togliersi ogni dubbio è effettuare uno speed test, usando il nostro strumento per conoscere la velocità media per operatore nella propria zona e confrontando così le prestazioni effettive con quelle che dovremmo – lecitamente – aspettarci.

Commenti Facebook: