I conti deposito con migliore rendimento a giugno 2020

Siete alla ricerca di una soluzione per far fruttare al meglio i vostri risparmi? Ecco i conti deposito con migliore rendimento a giugno 2020 tra le proposte di Widiba, Fineco Bank e Webank.

Conti deposito con migliore rendimento a giugno 2020

I conti deposito sono una delle soluzioni più semplici e convenienti per far fruttare le somme di denaro di cui non avete necessità di utilizzo in tempi brevi. Un conto deposito infatti permette di vincolare o meno una determinata cifra e maturare degli interessi.

Vediamo quali sono i conti deposito con migliore rendimento a giugno 2020 tra quelli proposti dalle banche online Widiba, Fineco Bank e Webank. Approfondiamo inoltre quali sono i motivi per cui conviene scegliere un conto di questo tipo, come farlo e quali sono le caratteristiche da valutare per fare la scelta migliore.

1. Conto Deposito Widiba

Dal lancio sul mercato nel 2014, Widiba ha continuato a innovare i propri servizi e prodotti per andare incontro alle esigenze sempre in evoluzione dei clienti. La banca è presente in Italia con più di 500 consulenti, quasi 250 dipendenti e oltre 300 mila clienti attivi. Essere clienti Widiba significa poter accedere ad un’ampia gamma di servizi completamente digitali e usufruire di un’esperienza di utilizzo a cinque stelle grazie a funzionalità pratiche come la password vocale, lo strumento My Money e l’app mobile.

Per quanto riguarda la soluzione conto deposito, Widiba offre questi prodotti:

  • Linea Libera, che assicura un guadagno costante sui risparmi depositati pari allo 0,10%;
  • Linea Vincolata, che consente un guadagno variabile in base alla durata del vincolo sul deposito.

In generale, i conti deposito Widiba consentono di:

  • spostare i propri risparmi tra conto e Linea Libera quando preferite;
  • impostare gratuitamente un trasferimento periodico;
  • tenere il saldo sotto controllo grazie a trasferimenti automatici a soglia;
  • mantenere un tasso fisso per tutta la durata del vincolo;
  • svincolare i propri risparmi anticipatamente in forma anche parziale senza alcun costo;
  • trasferire automaticamente le somme anche dall’app mobile.

Vediamo innanzi tutto le caratteristiche della soluzione Linea Libera:

  • zero costi di attivazione;
  • zero costi necessari per il trasferimento tra conto e Linea;
  • tasso creditore pari allo 0,10%;
  • liquidazione interessi annuale.

Per quanto riguarda la Linea Vincolata:

  • attivazione e chiusura vincolo a zero spese;
  • rimborso anticipato gratuito;
  • opzioni di rimborso anticipato in misura totale o parziale;
  • liquidazione interessi alla scadenza del vincolo selezionato.

Se siete curiosi di scoprire il tipo di rendimento ottenuto attraverso le soluzioni Widiba, potrete utilizzare il comodo calcolatore online messo a disposizione sul sito web aziendale. Per utilizzarlo, basterà recarsi sulla pagina Prodotti e cliccare alla voce Risparmio. Alcuni esempi di rendimenti su una somma pari a 1.000 Euro sono:

  • tasso lordo pari a 0,40%, interessi netti 0,75 Euro per 3 mesi;
  • tasso lordo pari a 0,60%, interessi netti 2,23 Euro con vincolo 6 mesi;
  • tasso lordo pari a 0,80%, interessi netti 5,92 Euro con vincolo di 12 mesi;
  • tasso lordo pari a 1%, interessi netti 11,11 Euro con vincolo di 18 mesi;
  • tasso lordo pari a 1,20%, interessi netti 17,76% con vincolo di 24 mesi.

Scegli Conto Deposito Widiba »

2. Conto Deposito Webank

Webank è la banca online che fa parte del Gruppo Banco BPM. L’istituto propone un conto digitale zero canone, zero spese, carte zero canone e comandi vocali per l’accesso e la gestione del proprio denaro.

La soluzione conto deposito di Webank prevede due opzioni:

  • linee senza vincolo, ovvero con somme denaro depositate sempre disponibili e tasso di interesse uguale al tasso base BCE pari allo 0,10% annuale. Con questa opzione, i trasferimenti da e verso il conto sono quindi in ogni caso immediati e gratuiti;
  • linee vincolate, con vincoli variabili tra 9 e 18 mesi e tasso di interesse pari a 0,30%.

Questi tassi sono validi fino al 26/06. È inoltre importante ricordare che, nel caso in cui sia rispettata l’intera durata del vincolo, il tasso di interesse corrisposto sulla somma è pari a 0,45%. L’importo massimo vincolabile per conto è di 1 milione di Euro.

Se non siete ancora clienti Webank ma siete interessati a diventarlo, ottenendo maggiori informazioni su prodotti e servizi, potrete contattare il numero verde gratuito 800 148 149, attivo dal lunedì al venerdì, dalle 8,30 alle 20,00.
Scegli Conto Deposito Webank »

3. Conto Deposito Fineco Bank

Fineco Bank è “la banca che semplifica la banca”. Dal 1999 l’istituto si pone come unico obiettivo quello di innovare processi e dinamiche tipiche degli istituti finanziari per migliorare la qualità dell’esperienza dei propri clienti. Fineco investe dunque da sempre in tecnologia, pur mantenendo allo stesso tempo in primo piano la qualità delle relazioni umane tra clienti e operatori.

Il conto Fineco Bank offre un’ampia gamma di servizi, tra cui:

  • prelievi gratuiti in Italia;
  • prelievi smart tramite smartphone;
  • maxi prelievi fino a 3000 Euro in tutti gli ATM UniCredit in Italia;
  • carta di debito contactless;
  • bonifici gratuiti e illimitati in Italia;
  • pagamenti di bollettini inquadrando il QR Code con il proprio smartphone;
  • pagamenti online di MAV, RAV, bollo auto, utenze, tasse e imposte;
  • telepass richiedibile online oppure trasferimento di quello già esistente in 48 ore;
  • prestiti online fino a 5000 Euro;
  • pagamento con smartphone tramite Apple Pay, Fitbit Pay, Google Pay, Garmin Pay.

Per quanto riguarda nello specifico il conto deposito proposto da Fineco Bank, approfondiamo la soluzione CashPark. Si tratta del conto deposito gratuito associato ad un conto corrente Fineco. CashPark prevede una durata di deposito pari a 12 mesi in due soluzioni:

  • opzione Svincolabile, tasso di interesse applicato pari a 0%;
  • opzione Vincolato, con tasso di interesse variabile a seconda della data di costituzione del vincolo e alla durata selezionata.

Alcune importanti condizioni da rispettare per attivare CashPark sono:

  • importo minimo vincolabile di 5.000 Euro;
  • essere clienti Fineco Bank con conto corrente attivo;
  • saldo minimo del conto corrente pari a 5.000 Euro.

Scegli Conto Deposito Fineco Bank »

Quando conviene conto deposito

Dopo avere presentato nelle sezioni precedenti le migliori soluzioni conto deposito del mese, vediamo ora quando conviene scegliere di aprire un conto di questo tipo.

Innanzi tutto, partiamo dalla definizione: un conto deposito è un conto corrente bancario la cui apertura da parte dell’utente è finalizzata alla maturazione di interessi sul patrimonio investito. Il principio fondamentale è che tanto più a lungo e quanto più gli interessi sono elevati, migliore sarà il rendimento del conto deposito in questione, così come il guadagno netto finale dell’intestatario.

Se state pensando se convenga o meno aprire un conto deposito, dovrete valutare la vostra disponibilità a depositare somme di denaro liquido e scegliere di godere della maturazione degli interessi relativi nel corso di uno specifico periodo di tempo. Al contrario, non si consiglia la scelta di questo conto quando si ha la necessità di effettuare operazioni particolari, come il pagamento di bollettini postali o bonifici. È regola generale infatti che i conti deposito includano solo funzionalità di base, visto l’obiettivo di “deposito” per cui sono nati. Per questa ragione, solitamente è richiesto anche un conto corrente tradizionale che serva da appoggio a quello di deposito.

I conti deposito in Italia presentano alcune caratteristiche diffuse, come:

  • zero costi;
  • tasso d’interesse più elevato della media dei conti correnti tradizionali;
  • obbligatorietà di conto corrente tradizionale, cosiddetto conto d’appoggio, a cui collegare il conto deposito;
  • nessuna richiesta di garanzia preliminare all’apertura;
  • prelievi limitati alla somma di denaro liquido presente sul conto;
  • possibilità di vincolare il capitale di denaro depositato per determinati periodi di tempo.

Per quanto riguarda gli aspetti negativi, il rischio principale legato all’apertura di questo conto è la possibilità che la banca selezionata non sia in grado sul lungo periodo di prestare fede agli obblighi sottoscritti nel contratto da voi firmato. Nonostante ciò, oggi esistono naturalmente sistemi di garanzia che tutelano i clienti. Detto questo, è importante valutare la solidità dell’istituto bancario presso cui volete aprire il vostro conto deposito.

Come scegliere conto deposito

Se pensiate che l’apertura di un conto deposito risponda alle vostre esigenze e avete tutti i requisiti in regola per procedere con questa operazione, ecco quali sono gli elementi da valutare nella scelta di questo prodotto finanziario:

  • il rendimento, meglio ancora il tasso di interesse netto;
  • la durata del vincolo disponibile per le somme depositate e le condizioni di vincolo e svincolo;
  • la logica di capitalizzazione;
  • ulteriori spese accessorie.

Vediamo ora questi aspetti più nel dettaglio.

Considerata la definizione di conto deposito, è di fondamentale importanza calcolare il rendimento previsto. Infatti, le condizioni possono variare notevolmente tra una soluzione o l’altra, ma anche rispetto al capitale da depositare inziale e al vincolo da voi scelto. Il calcolo del rendimento è una procedura che può essere eseguita in autonomia. Per farlo, avrete bisogno del tasso di interesse netto, ovvero la percentuale ripulita da tasse ed eventuali spese ulteriori che vanno a toccare il presente investimento.

Per quanto riguarda la durata del vincolo, questa va ad influire direttamente sul rendimento. Di norma, i conti deposito con somme vincolate per un determinato periodo di tempo garantiscono generalmente un rendimento superiore alla media delle offerte dei conti deposito non vincolati. Se rispetterete l’intera durata del vincolo scelto, il calcolo del rendimento dovrà essere effettuato tenendo conto del tasso di interesse più alto previsto dal contratto. Se decidete di ritirare le somme vincolate prima dello scadere del vincolo previsto, il tasso di interesse da applicare sarà invece minore. Valutate quindi con attenzione i vincoli e le condizioni offerte nel conto deposito da voi scelto.

Ecco un esempio di calcolo del rendimento. Per calcolare il rendimento annuo di un conto deposito su cui sono depositati 5 mila Euro ad un tasso di interesse netto del 3%. Il calcolo si effettua moltiplicando 5.000 per 3 e dividendo successivamente per 1.000. Il rendimento finale è di 150 Euro con cadenza annuale.

La logica di capitalizzazione è la frequenza con cui vengono versati al titolare del conto deposito gli interessi maturati sul capitale depositato sul conto. Pertanto, il tasso di interesse deve essere valutato sia nella sua componente quantitativa, ma anche qualitativa.

Infine, è bene prestare attenzione anche alle spese accessorie. Si tratta ad esempio della somma richiesta all’utente per la gestione e l’operatività relativa al mantenimento del conto. Molto spesso i conti deposito sono a zero spese, ma è altrettanto frequente la condizione in cui siano addebitate le cifre per il pagamento dell’imposta di bollo, oppure necessarie all’apertura dello stesso conto.

Come aprire conto deposito 

Aprire un conto deposito è molto semplice, in quanto i rischi per la banca presso cui è depositata la somma sono molto bassi. Ecco quali sono i documenti solitamente richiesti per l’apertura di un conto deposito:

  • codice fiscale dell’intestatario;
  • documento di identità valido;
  • attestazione di presenza di un conto corrente tradizionale da adottare come “conto d’appoggio”;
  • una somma iniziale minima da depositare sul conto in questione.

Oltre a questi requisiti, la banca sarà tenuta a sottoporvi ad una procedura di identificazione. Questa avverrà ad esempio attraverso la comunicazione con l’istituto presso cui avete aperto altri conti correnti che avete deciso di fornire come conti “di appoggio.”

Commenti Facebook: