Huawei archivia il 2014 con crescita a doppia cifra

Buone notizie per Huawei, uno degli operatori hi-tech in grado di garantire i maggiori tassi di crescita ai propri azionisti. Stando a quanto comunica l’azienda, infatti, il 2014 si sarebbe concluso con risultati più che positivi in tutti i principali settori di business, con un fatturato complessivo che è aumentato del 20,6% (utile netto + 32,7% a/a).

Huawei chiude il 2014 con un bilancio molto positivo
Huawei chiude il 2014 con un bilancio molto positivo

Più nel dettaglio, Huawei – il cui bilancio è stato sottoposto positivamente alla revisione di Kpmg – ha dichiarato di aver raggiunto ricavi complessivi per 46,5 miliardi di dollari, con un utile netto pari a oltre il 10% del fatturato (4,5 miliardi di dollari).

Stando a quanto afferma un portavoce della società, la forte crescita dei ricavi nel 2014 è attribuibile fondamentalmente all’attenzione riservata agli specifici aspetti della strategia aziendale, mentre l’incremento della redditività è attribuibile a una gestione più snella e dal miglioramento della complessiva efficienza del gruppo.

Positive sono anche le valutazioni sul futuro: grazie ai forti investimenti per l’innovazione sulla telefonia mobile e non, compiuti in settori strategici come il cloud computing e il big data, Huawei si è infatti detta convinta di aver acquisito un vantaggio tale dal poter cogliere tutte le opportunità di business “nell’era della trasformazione digitale”.

Confronta offerte telefonia mobile

Per quanto attiene un focus sui singoli settori, quello che ha denotato il maggior tasso di crescita è stato quello del consumer business group, che ha aumentato il fatturato del 32,6% rispetto al 2013, raggiungendo quindi i 12 miliardi di dollari. Soddisfacente anche il trend assunto dal carrier business group, con aumento del fatturato del 16,4% a 31 miliardi di dollari, grazie al contributo dello sviluppo delle reti a banda larga mobile in tutto il mondo. I ricavi dell’enterprise business group sono infine cresciuti del 27,3% toccando 3 miliardi di dollari.

Per quanto concerne infine gli investimenti, l’azienda nel solo 2014 ha impiegato 6,6 miliardi di dollari in attività di ricerca e di sviluppo, per il 14,2% del fatturato su base annuale, e con un incremento del 29,4% rispetto all’anno precedente. Nell’ultimo decennio gli investimenti salgono così a 30,7 miliardi di dollari in attività di ricerca e sviluppo.

L’indebitamento complessivo (breve e lungo termine) è pari a 4,5 miliardi di dollari.

Commenti Facebook: