House of Cards, intrighi politici a 6K

La terza stagione del political drama più famoso del mondo, House of Cards, è stata girata in 6K, cioè a un livello di definizione (6144 x 3160 pixel) superiore di ben nove volte al “normale” HD e di due volte rispetto al 4K. Netflix, che produce la serie, ha insomma deciso di puntare sempre di più anche sulla qualità visiva per uno dei suoi titoli di punta.

House-of-Cards
Netflix ha girato la terza serie ad altissima definizione. E in Italia?

La qualità è tale che ogni ora di episodio “pesa” ben 5,5 terabyte, più del doppio dei già impegnativi episodi 4K, che ammontano a 2,5 terabyte l’uno. Per vedere House of Cards – trasmesso in questi giorni da Sky e Sky Online – con questa definizione, sarebbe ovviamente necessaria una banda ultralarga ad altissime prestazioni.

E la situazione in Italia? Da aprile le trattative tra Sky e Telecom Italia porteranno alla distribuzione su rete fissa dei contenuti della tv, e se il 6K è forse ancora impensabile per il nostro Paese il 4K potrebbe non essere così problematico, visto che la connessione richiesta è di 25 Mbps (ovviamente reali).
Confronta le offerte tv streaming »
Non a caso da poche settimane è arrivato anche in Italia Wuaki.tv, la prima tv streaming in video con una definizione di 4K. Si avvicina insomma sempre di più il momento in cui si sembrerà di entrare nello Studio Ovale insieme a Frank Underwood.

Commenti Facebook: