Hadopi2: presto in Francia la legge anti P2P

Stefano Quintarelli porta all’attenzione l’approvazione da parte dell’Assemblea nazionale francese della legge Hadopi 2.

Oggi l’Assemblea nazionale francese ha adottato il progetto di legge contro la pirateria sul web di film e musica chiamato “Hadopi 2” per distinguerlo dalla prima versione: i voti favorevoli sono stati 285 (i deputati della maggioranza di centrodestra), 225 quelli contrari (socialisti e comunisti).

Il nuovo testo – che prevede ancora come sanzione ultima il taglio della connessione a internet – non è comunque ancora legge: dovrà essere adottato definitivamente dalla stessa Assemblea e dal Senato dopo che una commissione ad hoc – formata da sette senatori e sette deputati – che si riunirà nei prossimi giorni elaborerà un testo comune.

Intanto i deputati socialisti – che considerano la legge repressiva e inefficace – hanno già annunciato un nuovo ricorso davanti al Consiglio Costituzionale.

Stefano solleva il problema su chi deve decidere nel merito e con un processo giusto in tempi non biblici. I costi saranno maggiori dei benefici ?

log stefano quintarelli” href=”http://blog.quintarelli.it” target=”_blank”>Stefano Quintarelli porta all’attenzione l’approvazione da parte dell’Assemblea nazionale francese della legge Hadopi 2.

Oggi l’Assemblea nazionale francese ha adottato il progetto di legge contro la pirateria sul web di film e musica chiamato “Hadopi 2” per distinguerlo dalla prima versione: i voti favorevoli sono stati 285 (i deputati della maggioranza di centrodestra), 225 quelli contrari (socialisti e comunisti).

Il nuovo testo – che prevede ancora come sanzione ultima il taglio della connessione a internet – non è comunque ancora legge: dovrà essere adottato definitivamente dalla stessa Assemblea e dal Senato dopo che una commissione ad hoc – formata da sette senatori e sette deputati – che si riunirà nei prossimi giorni elaborerà un testo comune.

Intanto i deputati socialisti – che considerano la legge repressiva e inefficace – hanno già annunciato un nuovo ricorso davanti al Consiglio Costituzionale.

Stefano solleva il problema su chi deve decidere nel merito e con un processo giusto in tempi non biblici. I costi saranno maggiori dei benefici ?

Commenti Facebook: