Google Voice: pubblicità audio

Google ha appena richiesto servizi legali su un brevetto che fa da indizio su come si intende monetizzare Google Voice

Il brevetto vuole spiegare i metodi e il software nel quale un indicazione di una chiamata telefonica può inserire una pubblicità audio che sarà contestuale al numero chiamato.

googlevoice_ads

Questo servizio di advertising salverà la pubblicità audio e la riprodurrà quando la persona chiamante sentirà squillare il telefono, o quando aspetterà la chiamata o quando sarà in attesa.

Il brevetto è centrato sul metoro di determinare la località dell’id chiamante: la pubblicità sarà quindi servita con una geolocalizzazione. A seconda di dove si è, si potrà ascoltare qualsiasi cosa contestuale dai migliori elettrodomestici in offerta alle migliori promozioni dell’agenzia di vacanze sotto casa.

In pratica è chiara l’espansione del servizio già esistente Audio AdWords. Mentre google ha chiuso l’advertising radio in testing a Febbraio, si continua a lavorare sull’advertising online sui servizi di streaming audio e web radio. Per dirla tutta, Google ha già un pre-sistema di audio placement con il servizio di distribuzione.

googlevoice_ads1

Se questo progetto prende forma la parte davvero interessante è quella che arriverà il mese successivo quando le pubblicità

saranno tariffate. Con la pubblicità sullo streaming audio le società ricevono una relativa sicurezza che l’audience ascolterà l’intero spot, inclusa anche un’eventuale call-to-action. Mentre il pubblico che ascolta può sempre mettere in mute la pubblicità o togliere le cuffie in quel momento, un sito di contenuti audio non parte se non con l’introduzione obbligatoria di pubblicità.

La pubblicità su telefono è diversa. Il telefono può non essere disponibile o nelle vicinanze. Gli utenti chiamanti potrebbero quindi sentirsi oltre a 30 secondi di pubblicità per poi ritrovarsi la segreteria telefonica. Potrebbero essere trasmessi addirittura 2 spot per chiamata: dopo il primo mese di test sarà estremamente interessante capire quanti spot parziali saranno serviti e soprattutto la differenza di costo tra il primo adv e il secondo spot.

ppena richiesto servizi legali su un brevetto che fa da indizio su come si intende monetizzare Google Voice

Il brevetto vuole spiegare i metodi e il software nel quale un indicazione di una chiamata telefonica può inserire una pubblicità audio che sarà contestuale al numero chiamato.

googlevoice_ads

Questo servizio di advertising salverà la pubblicità audio e la riprodurrà quando la persona chiamante sentirà squillare il telefono, o quando aspetterà la chiamata o quando sarà in attesa.

Il brevetto è centrato sul metoro di determinare la località dell’id chiamante: la pubblicità sarà quindi servita con una geolocalizzazione. A seconda di dove si è, si potrà ascoltare qualsiasi cosa contestuale dai migliori elettrodomestici in offerta alle migliori promozioni dell’agenzia di vacanze sotto casa.

In pratica è chiara l’espansione del servizio già esistente Audio AdWords. Mentre google ha chiuso l’advertising radio in testing a Febbraio, si continua a lavorare sull’advertising online sui servizi di streaming audio e web radio. Per dirla tutta, Google ha già un pre-sistema di audio placement con il servizio di distribuzione.

googlevoice_ads1

Se questo progetto prende forma la parte davvero interessante è quella che arriverà il mese successivo quando le pubblicità

saranno tariffate. Con la pubblicità sullo streaming audio le società ricevono una relativa sicurezza che l’audience ascolterà l’intero spot, inclusa anche un’eventuale call-to-action. Mentre il pubblico che ascolta può sempre mettere in mute la pubblicità o togliere le cuffie in quel momento, un sito di contenuti audio non parte se non con l’introduzione obbligatoria di pubblicità.

La pubblicità su telefono è diversa. Il telefono può non essere disponibile o nelle vicinanze. Gli utenti chiamanti potrebbero quindi sentirsi oltre a 30 secondi di pubblicità per poi ritrovarsi la segreteria telefonica. Potrebbero essere trasmessi addirittura 2 spot per chiamata: dopo il primo mese di test sarà estremamente interessante capire quanti spot parziali saranno serviti e soprattutto la differenza di costo tra il primo adv e il secondo spot.

Commenti Facebook: