Gomme moto invernali: obbligatorie oppure no?

Tra la pioggia, il freddo e il gelo la domanda sorge quasi spontanea: ma se per le auto vige la necessità  di gomme invernali o catene a bordo, cosa succede per i veicoli a due ruote? Anche le moto devono montare le gomme da neve? Vediamo cosa dice il codice della strada e quali sono i consigli da seguire.

Le moto da neve sono obbligatorie sulle moto?
Le gomme da neve sono obbligatorie sulle moto?

Il freddo non accenna a diminuire e la sicurezza sulle strade rimane uno degli argomenti più attuali e, allo stesso tempo, meno conosciuti. Si sa che con la pioggia, il ghiaccio e il gelo della stagione fredda, le auto hanno l’obbligo di vestire gomme invernali o, in ogni caso, di tenere a bordo le catene da montare in caso di ghiaccio o neve sulla strada.

Ma come funziona per le moto? Anche i cicli a due ruote hanno l’obbligo di gomme da neve o catene? Cosa dice la normativa al riguardo?

Ecco tutto ciò che c’è da sapere per viaggiare sicuri anche su due ruote durante la stagione più fredda.

Gomme da neve: sono obbligatorie per le moto?

Domanda: le moto devono montare le gomme invernali? Risposta: no, non per forza. Il ministero dei trasporti ha ribadito più volte che nel codice della strada non è scritto da nessuna parte che le gomme da neve siano obbligatorie per i motocicli. Né, tantomeno, le catene invernali. Nessuna imposizione dunque per i veicoli a due ruote.

E la sicurezza?

Confronta le migliori assicurazioni moto

A rimetterci, semmai, è la sicurezza di chi guida una moto senza gomme da neve, che dunque è più esposta a scivolare sulla strada in caso di ghiaccio o di neve; che potrebbe sbandare a causa della poca aderenza. Ma, quindi, cosa fare: lasciare a casa la moto per tutto l’inverno?

Naturalmente, nemmeno questo è necessario.

Ma le gomme da neve per le moto esistono?

Certo che esistono; anzi: ce ne sono di diverse tipologie. E così, il freddo che incombe porta anche i motociclisti ad attrezzarsi con i pneumatici invernali per moto.

Non sono sufficienti, infatti, i classici rimedi – i cosiddetti must – come la manutenzione del mezzo e un abbigliamento tecnico adeguato per far fronte al rigore della stagione fredda (soluzioni che in ogni caso sono consigliabili per tutte le stagioni).

Come la cronaca insegna, l’aderenza del due ruote al manto stradale è un argomento delicato in questi giorni: pioggia e ghiaccio, infatti, sono in tal senso i nemici principali per ogni centauro. Ma se il copertone giusto può essere la risposta più adeguata al problema, vediamo di quali esemplari si affolla il mercato.

Assicurazione Genertel per moto

Le Gomme Rain: gomme da pioggia, sono utili?

Se il problema è la pioggia, la soluzione più immediata sono indubbiamente le gomme Rain, ossia quelle che garantiscono una maggiore aderenza all’asfalto bagnato, come avviene, appunto, in caso di pioggia. La loro efficienza è stata ampiamente dimostrata nelle gare motociclistiche: montare gomme Rain consente di dominare al meglio il proprio mezzo a due ruote anche in condizioni di bagnato grazie ad un particolare intaglio del battistrada. Tuttavia, in caso di presenza di gelo o neve la situazione potrebbe essere diversa e la gomma Rain potrebbe risultare insufficiente per la garanzia di una buona sicurezza al guidatore.

Pneumatici invernali: gomme termiche, sono efficaci?

In presenza di gelo e neve, entrano allora in gioco le gomme termiche – simili a quelle realizzate per le auto – le quali, tuttavia, sono ancora considerate un argomento particolarmente controverso e, in effetti, di poca diffusione nel grande pubblico di consumatori.

Si tratta delle gomme omologate con la dicitura M+S, dove la M sta per “Mud” (ovvero fango) e la S sta per “Snow” (ossia neve). Queste gomme presentano una mescola particolare che consente di mantenere pneumatici efficienti anche in occasione di temperature particolarmente rigide, come quelle che scendono di diversi gradi sotto lo zero. La loro composizione, quindi, offre migliori prestazioni e sicurezza non solo quando c’è neve effettivamente presente sull’asfalto, ma anche ogni qual volta le temperature scendano al di sotto dei 7° C.

Vediamo ora la forma del battistrada: gli intagli sono abbondanti in corrispondenza del battistrada, il che permette alla gomma di dare una migliore risposta ai rigori invernali. È necessario dire, tuttavia, che le M+S non sono efficienti solo d’inverno, ma rendono su ottimi livelli anche in altri momenti dell’anno. Questa è la ragione per cui non è necessario sostituirle con l’arrivo della bella stagione. Ottimo compromesso. Il problema riscontrato, che ancora mantiene premuto il freno sulla loro diffusione, è la velocità con cui tali gomme si consumano, costringendo il guidatore a frequenti, costosi, cambi.

Le novità sul mercato

Conosciute le gomme Rain e quelle a mescola M+S, c’è poi da considerare che non mancano sul mercato recenti novità che riguardano non solo le moto da corsa, ma anche quelle da strada.

Tra le altre, Michelin ha, per esempio, lanciato le City Grip Winter, gomme che presentano una mescola Thermo-Attiva, ossia fatta di un materiale che dovrebbe garantire una migliore aderenza su neve fresca o fondente fino a -10° C. Il modello Pilot Road 4, invece, dispone di una mescola a base di silice che si scopre efficace dai -5 ai 45 gradi, ed ideale per le moto stradali, granturismo ed enduro nelle versioni standard, gt e trail.

Conclusioni:

Le gomme invernali per le moto esistono ma non sono previste come obbligatorie dal codice della strada, dunque sta al conducente decidere se investire in sicurezza scegliendo di optare per pneumatici che garantiscano una maggiore aderenza e delle prestazioni superiori anche sul bagnato, o a temperature particolarmente basse. Nel caso in cui si optasse per le gomme invernali, la scelta sarebbe ampia e la selezione variabile in base alle esigenze dei percorsi.

Buon viaggio a tutti, ma in sicurezza.

Commenti Facebook: