Gli sms? Per le compagnie telefoniche sono gratis

La nostra società ormai utilizza sempre più spesso gli sms per comunicare che è universalmente riconosciuto come il metodo più semplice, veloce ed economico per conversare con i propri conoscenti. Ammesso che un sms sia semplice da redigere e veloce da inviare, a volte non è la scelta più economica. Gli sms, in genere, costano circa 15 Centesimi di Euro l’uno e a volte non ne bastano due per una conversazione completa: una telefonata, seppure breve, è spesso la soluzione più economica. A parte queste considerazioni di “economia domestica“, viene da chiedersi se il costo di ogni sms sia proporzionale al costo sostenuto dall’operatore per la trasmissione dello stesso. Secondo il prestigioso New York Times, il costo di ogni sms per ogni compagnia telefonica è quasi pari a zero. Incredibile, vero?

Solo negli Stati Uniti sono stati inviati un miliardo di miliardi (un trilione oppure 1018) di sms: una cifra davvero impressionante. La vera questione, ovviamente, è quanto questa quantità di messaggi di testo possa costare alla varie compagnie telefoniche.

Ebbene, secondo un professore di scienze informatiche presso la University of Waterloo, in Canada, gli sms costano una cifra davvero piccola, molto vicina allo zero. Ne segue che non solo il costo dei messaggi di testo per i consumatori non sia per nulla a buon mercato, ma scopriamo anche che le compagnie telefoniche sfruttano una particolare parte della banda che viene chiamata “canale di controllo” che dovrebbe essere utilizzata per gestire le operazioni sulla rete stessa.

Questo “spazio” è sempre presente, indipendentemente dal fatto che sia o meno in uso (un esempio può essere una corsia stradale sempre vuota anche nelle ore di punta). La presente situazione è dunque permessa dal fatto che negli USA (come anche in Italia e in tutti gli altri stati) gli operatori telefonici sono pochi e non hanno voglia di iniziare una vera e propria politica di concorrenza reciproca.

Siccome è lecito pensare che anche le reti italiane funzionino alla stessa maniera, ci chiediamo come mai nessun operatore italiano abbia l’intelligenza di “cantare fuori dal coro“: purtroppo i guadagni facili piacciono proprio a tutti.

In base alle stime di comScore, nel Regno Unito vengono spediti più di 25 milioni di sms al giorno, con una crescita del 16,9% rispetto al 2007, mentre in Francia la crescita si è attestata “solamente” all’8,1%… Numeri da capogiro. In tutta Europa, infatti, la quantità di messaggi SMS di testo spediti cresce al ritmo del 3,3% annuo, nonostante la crisi economica che stiamo attraversando. E per quanto riguarda il 2009? Partendo dal principio che nulla si può dire con certezza, le previsioni mostrano però che il mercato degli sms è ancora in forte crescita.

Ma noi di SosTariffe abbiamo la cura contro questo abuso di posizione delle compagnie forti e vi proponiamo la soluzione per risparmiare e per inviare sms gratis

1) Skebby, con la sua famiglia di software per invio di sms free da cellulare e dal web attraverso la pagina sms gratis senza registrazioine di certo, contribuirà alla diffusione degli sms gratuiti e ci permettera di risparmiare tantissimi euro

2) Con gli sms gratis di giovani potremo risparmiare quando siamo al computer inviando gli sms direttamente da pc

3) Blinko offre la possibilita invece di inviare sms illimitati con il proprio numero verso gli amici iscritti a blinko. questa è un ottima opportunita per iscriversi gratuitamente a blinko e creare il proprio gruppo per messaggiarsi gratis

Ci sono molti altri siti che permettono l’invio di sms gratuiti come lamiatariffa.it,oosms.com a altri che potete trovare su vari forum di sms gratis

ocietà ormai utilizza sempre più spesso gli sms per comunicare che è universalmente riconosciuto come il metodo più semplice, veloce ed economico per conversare con i propri conoscenti. Ammesso che un sms sia semplice da redigere e veloce da inviare, a volte non è la scelta più economica. Gli sms, in genere, costano circa 15 Centesimi di Euro l’uno e a volte non ne bastano due per una conversazione completa: una telefonata, seppure breve, è spesso la soluzione più economica. A parte queste considerazioni di “economia domestica“, viene da chiedersi se il costo di ogni sms sia proporzionale al costo sostenuto dall’operatore per la trasmissione dello stesso. Secondo il prestigioso New York Times, il costo di ogni sms per ogni compagnia telefonica è quasi pari a zero. Incredibile, vero?

Solo negli Stati Uniti sono stati inviati un miliardo di miliardi (un trilione oppure 1018) di sms: una cifra davvero impressionante. La vera questione, ovviamente, è quanto questa quantità di messaggi di testo possa costare alla varie compagnie telefoniche.

Ebbene, secondo un professore di scienze informatiche presso la University of Waterloo, in Canada, gli sms costano una cifra davvero piccola, molto vicina allo zero. Ne segue che non solo il costo dei messaggi di testo per i consumatori non sia per nulla a buon mercato, ma scopriamo anche che le compagnie telefoniche sfruttano una particolare parte della banda che viene chiamata “canale di controllo” che dovrebbe essere utilizzata per gestire le operazioni sulla rete stessa.

Questo “spazio” è sempre presente, indipendentemente dal fatto che sia o meno in uso (un esempio può essere una corsia stradale sempre vuota anche nelle ore di punta). La presente situazione è dunque permessa dal fatto che negli USA (come anche in Italia e in tutti gli altri stati) gli operatori telefonici sono pochi e non hanno voglia di iniziare una vera e propria politica di concorrenza reciproca.

Siccome è lecito pensare che anche le reti italiane funzionino alla stessa maniera, ci chiediamo come mai nessun operatore italiano abbia l’intelligenza di “cantare fuori dal coro“: purtroppo i guadagni facili piacciono proprio a tutti.

In base alle stime di comScore, nel Regno Unito vengono spediti più di 25 milioni di sms al giorno, con una crescita del 16,9% rispetto al 2007, mentre in Francia la crescita si è attestata “solamente” all’8,1%… Numeri da capogiro. In tutta Europa, infatti, la quantità di messaggi SMS di testo spediti cresce al ritmo del 3,3% annuo, nonostante la crisi economica che stiamo attraversando. E per quanto riguarda il 2009? Partendo dal principio che nulla si può dire con certezza, le previsioni mostrano però che il mercato degli sms è ancora in forte crescita.

Ma noi di SosTariffe abbiamo la cura contro questo abuso di posizione delle compagnie forti e vi proponiamo la soluzione per risparmiare e per inviare sms gratis

1) Skebby, con la sua famiglia di software per invio di sms free da cellulare e dal web attraverso la pagina sms gratis senza registrazioine di certo, contribuirà alla diffusione degli sms gratuiti e ci permettera di risparmiare tantissimi euro

2) Con gli sms gratis di giovani potremo risparmiare quando siamo al computer inviando gli sms direttamente da pc

3) Blinko offre la possibilita invece di inviare sms illimitati con il proprio numero verso gli amici iscritti a blinko. questa è un ottima opportunita per iscriversi gratuitamente a blinko e creare il proprio gruppo per messaggiarsi gratis

Ci sono molti altri siti che permettono l’invio di sms gratuiti come lamiatariffa.it,oosms.com a altri che potete trovare su vari forum di sms gratis

Commenti Facebook: