Giovani precari: 66% degli under 35 vive ancora con i genitori

Disoccupati, con contratti precari o stipendi troppo bassi: due terzi degli italiani sotto i 35 anni non hanno ancora abbandonato il nucleo familiare per andare a vivere da soli. Sono 7 milioni di italiani tra 18 e 34 anni che vivono ancora con i genitori, il 17% in più della media europea. Quasi il 50% dei ragazzi italiani tra i 25 e i 34 anni vive ancora con almeno un genitore, contro l’1,4% dei danesi. Restano a casa soprattutto i maschi, e la tendenza è in crescita.

giovani vivono ancora con i genitori
I giovani italiani non riescono a vivere da soli: il 66% vive ancora con i genitori

Gli ultimi dati Eurostat, riferiti al 2013, rivelano che in Italia due terzi dei giovani vive ancora a casa con i genitori. E’ il doppio rispetto a Francia e Regno Unito, e addirittura il 17% in più rispetto alla media europea: con oltre 7 milioni di persone, parliamo del 65,8% dei giovani tra i 18 e i 35 anni.

La tendenza, inoltre, è in crescita. Nel 2013, i risultati mostrano un aumento di oltre il 5% rispetto al 2008 (era al 60,5%). Anche in Francia è cresciuto, sebbene di circa il 2%, ma in Germania il tasso di giovani che vive con i genitori è in flessione. In Danimarca invece, solo il 15,8% del totale degli under 35 vive ancora nella casa paterna.

Considerando soltanto la fascia tra i 25 e i 34 anni, includendo ad esempio quelli che hanno già finito l’università, in Italia sono il 49,4% a vivere ancora con i genitore, quasi il 5% in più rispetto al 2008. La media europea si attesta al 28,8%, mentre soltanto l’1,4% dei danesi tra i 25 e i 34 anni vive ancora con la famiglia. I francesi sono l’11,3%, i tedeschi il 16,8% e gli inglesi non superano il 13,8%. Gli spagnoli sono al 37,4% mentre greci, bulgari e slovacchi superano il 50%.

Italiani ancora con i genitori, anche lavorando full time

Nella fascia tra i 25 e i 34 anni, nel 2013 erano occupati il 60,2% degli italiani (in flessione di 10 punti rispetto il 2008, quando erano occupati il 70,1%% di questi giovani).

Oltre un quarto (27,2%) di questi giovani adulti ha un lavoro a tempo pieno (anche qui, il 10% in meno rispetto il 2008 quando erano il 37,6%). Di queste persone tra 25 e 34 anni, vivono ancora con i genitori il 43%, pur avendo un lavoro a tempo pieno.

La maggior parte dei giovani che resta a casa sono uomini (il 57,5% tra i 25 e i 34 anni), mentre le donne sono il 41,1% (in forte crescita rispetto al 36,4% del 2008). Secondo Eurostat, a Danimarca solo lo 0,4% delle ragazze tra i 25 e i 34 anni restano in casa con i genitori, mentre in Germania il 10,5% e in Francia l’8,1%).

Richiedi un preventivo per il tuo prestito

Come vivere da soli e risparmiare

Se siete tra quelli giovani che hanno un lavoro e volete vivere da soli, vi ricordiamo che è possibile risparmiare sulle spese domestiche. Ad esempio, con le offerte energia elettrica del mercato libero si può tagliare circa il 10% della spesa, con risparmi di oltre 100 sulla luce e altrettanti sul gas.

Confronta Offerte Energia Elettrica

Se si cerca di ridurre la spesa per la connessione Internet conviene sicuramente attivare una tariffa ADSL + Telefono Fisso anziché una solo ADSL. Questo perché nelle prime è incluso il Canone Telecom, e nelle ADSL naked si paga in una bolletta a parte.

Altrimenti si può utilizzare una chiavetta Internet mobile e pagare a volume, cioè soltanto quello che si consuma. Avere un piano dati conveniente sul telefono cellulare e utilizzarlo come Router Wi-Fi tramite tethering è anche una buona soluzione, soprattutto per chi non vuole affrontare i costi di installazioni di linea telefonica e ADSL.
Scopri i migliori piani dati per cellulari

Per comprovare l’effettivo risparmio con tutte queste offerte che abbiamo menzionato, vi invitiamo a utilizzare i nostri comparatori gratuiti ed indipendenti di tariffe luce, gas, ADSL, Internet mobile, TV e Conti Correnti, che vi aiuteranno a scegliere senza impegni le offerte che meglio si adattano alle vostre esigenze.

Migliori offerte ADSL

 

 

Commenti Facebook: