Gas naturale: Usa primo produttore al mondo; scende il consumo di petrolio

Il primo produttore mondiale di gas naturale è l'Usa, e la tendenza potrebbe non cambiare entro al 2030. Così lo prevede il Terzo rapporto nazionale sul clima del Governo americano, dopo l'analisi dei risultati ottenuti sul fronte energetico e della lotta ai cambiamenti climatici. Gli Stati Uniti sono anche grandi produttori di shale gas e di petrolio, avendo prodotto durante un intero semestre più petrolio di quanto ne abbiano importato.

Gas naturale: Usa primo produttore al mondo; scende il consumo di petrolio

Per sei mesi consecutivi abbiamo prodotto più petrolio di quanto ne abbiamo importato dall’estero, e questa è una buona notizia“, aveva dichiarato John Podesta, consigliere del presidente Obama che si occupa di clima ed energia, anticipando i risultati del terzo rapporto nazionale sul clima, che è stato poi presentato dal presidente Barack Obama nei giorni scorsi.

Il consigliere ha anche sottolineato che gli Stati Uniti sono, grazie al boom della produzione di shale gas, “i più grandi produttori di gas e petrolio“. Allo stesso tempo, ha spiegato Podesta, negli Usa sono sempre più bassi i consumi di energia elettrica, grazie al maggior impegno in materia di efficienza energetica; ricordiamo che la strategia energetica complessiva voluta dal Barak Obama implica produrre più energia ma usarla in maniera più efficiente.

Stando ai dati del rapporto, i consumi americani di petrolio, e soprattutto di benzina, sono calati rispetto ai livelli 2006 e 2010. Il Governo americano stima che quando gli standard di efficienza saranno entrati in vigore nel 2025, si otterrà un risparmio di 1.700 miliardi di dollari.

Anche la produzione di energia rinnovabile cresce negli Usa, con 10 volte in più energia elettrica prodotta da fotovoltaico rispetto al 2009, anno di inizio dell’amministrazione Obama, mentre quelle prodotta dall’eolico è triplicata.

Ancora troppe emissioni di gas serra negli Usa

Il terzo rapporto dimostra anche come il Governo Usa non sia riuscito ancora ad affrontare la questione delle emissioni industriali di gas inquinanti. Negli Stati Uniti sono le centrali elettriche alimentate da idrocarburi la principale fonte delle emissioni di anidride carbonica, ovvero il 38% del totale. “La transizione al gas naturale, l’aumento dell’efficienza e il rafforzamento delle fonti rinnovabili, questo ha significato che le emissioni della produzione energetica vanno nella giusta direzione, cioè diminuiscono, ma abbiamo ancora molto lavoro da fare“, ha ammesso John Podesta.

Il consigliere ha concluso annunciando che sarebbero state prese nuove decisioni a breve. Barak Obama nel presentare il rapporto National Climate Action ha discusso anche con alcuni metereologi sull’impatto dei cambiamenti climatici sulle diverse regioni del Paese.

Confronta tariffe Gas »

Commenti Facebook: