Gartner: nel 2014 saranno consegnati 1,9 miliardi di cellulari e 263 milioni di tablet

Alla fine dell’anno si conteranno 2,5 miliardi di dispositivi spediti a livello globale, tra PC desktop e notebook, tablet, telefonini e device ibridi. Di questi, oltre 1 miliardo girerà su Android, 360 milioni su Windows e 344 milioni su iOS e Mac OS. Le previsioni di Gartner

Porta i tuoi amici in Vodafone: promo prorogata al 15/4
Porta i tuoi amici in Vodafone: promo prorogata al 15/4

Le consegne di PC desktop e notebook, cellulari, tablet e dispositivi ibridi raggiungeranno i 2,5 miliardi di unità nel 2014, per una crescita di 7,6 punti percentuali rispetto al 2013, stando alle previsioni contenute in seno al documento “Forecast: PCs, Ultramobiles, and Mobile Phones, Worldwide, 2010-2017, 4Q13 Update” di Gartner.

A dominare la scena saranno le spedizioni di cellulari, che si attesteranno a 1,9 miliardi di unità, per una crescita del 5% su base annua. Alla fine del 2015, le consegne di telefonini – tra smartphone e feature phone – raggiungeranno quasi i 2 miliardi di unità.

Vai alle offerte per i cellulari

Al 31 dicembre 2014, a livello globale, si conteranno oltre 263 milioni di tablet consegnati. Il numero è destinato a salire a oltre 324 milioni nel 2015. Il segmento di mercato delle tavolette, nel 2014, registrerà una crescita di 47 punti percentuali, e catturerà nuovi utenti in virtù di prezzi medi di vendita più bassi, evidenzia Gartner.

  Confronta le offerte per navigare da tablet

In relazione al sistema operativo, alla fine del 2014 oltre 1 miliardo di dispositivi girerà su Android, piattaforma di riferimento per i telefonini e i tablet firmati Samsung, HTC, LG, Sony etc. Circa 360 milioni saranno i device equipaggiati con Windows consegnati entro la fine dell’anno. Fra questi, anche i modelli Nokia basati su Windows Phone. Poco più di 344 milioni di dispositivi Apple con a bordo iOS (iPhone, iPad e iPod touch) e Mac OS (MacBook, iMac, Mac mini, Mac Pro) saranno spediti in tutto il mondo entro la fine del 2014.

Commenti Facebook: