Furti in casa durante le vacanze: quale assicurazione scegliere?

Non è certo un mistero che durante il periodo estivo, nelle aree cittadine, si registra un incremento dei furti in casa. Molti malintenzionati sfruttano l’assenza di proprietari ed inquilini, partiti per le meritate ferie estive, per intromettersi nelle abitazioni. Per contrastare questo pressante problema, oltre ad adottare una serie contro misure “anti-furto”, è consigliabile sottoscrivere un’apposita assicurazione. Ecco quale assicurazione scegliere per proteggersi dai furti in casa durante le vacanze. 

Un'assicurazione contro i furti in casa garantirà un rimborso per la perdita dei propri beni

Per difendersi dai furti in casa durante le vacanze, alle volte, può non bastare l’installazione di un sistema di anti-furto. Al fine di evitare di dover far fronte ad un considerevole danno economico, legato al furto di oggetti preziosi conservati in casa, è consigliabile valutare la possibilità di sottoscrivere una precisa copertura assicurativa per ottenere un risarcimento in caso di furto.

Molte assicurazioni per la casa contengono al loro interno delle apposite coperture aggiuntive “furto” che tutelano l’utente dai danni economici legati ad un eventuale furto in casa durante il periodo estivo ma anche durante tutto il resto dell’anno.

E’ possibile dare un’occhiata alle migliori assicurazioni di questa tipologia cliccando sul box qui di sotto.

Scopri le migliori assicurazioni per la tua casa

Come scegliere la migliore assicurazione per proteggersi dai furti in casa

Solitamente, le compagnie assicurative propongono un’apposita copertura aggiuntiva che garantisce un risarcimento all’utente in caso di furto in casa. A seconda della tipologia di assicurazione, sono presenti dei limiti massimi ben precisi per l’importo erogabile sotto forma di risarcimento legato ad un furto in casa.

Prima di procedere con la sottoscrizione di un’assicurazione contro i furti in casa è, quindi, consigliabile analizzare con attenzione il valore degli oggetti presenti nella propria abitazione che, potenzialmente, sono a rischio furto. Se non si posseggono oggetti di grande valore in casa, è consigliabile optare per una copertura standard contro il furto.

Tali coperture, è bene sottolineare, di solito non includono oggetti di grande valore. Ad esempio, chi ha in casa un’opera d’arte, come un quadro o una scultura, il cui valore stimato è decisamente elevato, dovrà sottoscrivere una polizza specifica che vada a coprire i danni legati al furto di questa tipologia di oggetti. Ribadiamo, quindi, che è fondamentale valutare con attenzione il valore degli oggetti a rischio furto prima di procedere alla sottoscrizione di una copertura assicurativa al fine di avere un’idea ben precisa dei rischi.

Molte coperture assicurative, inoltre, non prevedono alcun risarcimento in caso di furti di lieve entità (solitamente viene posto un tetto minimo di 500 Euro che può essere eliminato a fronte di un incremento del premio assicurativo) o in caso di “dolo o colpa grave dell’assicurato” ovvero quando, ad esempio, ci si dimentica di chiudere la porta a chiave.

E’ importante valutare anche il periodo d’assenza. Se, ad esempio, si possiede una seconda casa al mare dove ci si trasferisce per più di due mesi consecutivi, la polizza sottoscritta per proteggersi dai furti potrebbe non essere più valida. Si tratta di un altro parametro da controllare con attenzione quando si decide di sottoscrivere un’assicurazione di questo tipo.

Una volta valutate tutti questi parametri si potrà scegliere con attenzione la polizza più adatta alle proprie esigenze che andrà a garantire un rimborso in caso di furto in casa. Ribadiamo, in ogni caso, che prima di sottoscrivere la polizza è necessario effettuare una valutazione a 360 gradi dei beni da assicurare per evitare una spesa eccessiva o per evitare di sottostimare il valore dei propri averi.

Commenti Facebook: