Fotovoltaico, la detrazione 50% è valida solo per uso domestico

In materia di detrazioni del 50% per l’installazione di un impianto fotovoltaico, l’Agenzia delle Entrate ci tiene a precisare che le spese sono detraibili solo per l’uso residenziale. Questo vuol dire che l’installazione dell’impianto fotovoltaico deve essere direttamente al servizio dell’abitazione del contribuente, impiegato, così, per fini domestici: non sono detraibili le spese quando lenergia elettrica prodotta in eccesso ha fini commerciali. Ecco le precisazioni dell’Autorità.

Confronta Tariffe Energia Elettrica

agevolazioni fotovoltaicoL’Agenzia delle Entrate ci tiene a ricordare che è possibile usufruire della detrazione IRPEF del 50% per le spese di acquisto e di realizzazione di un impianto fotovoltaico per la produzione di energia elettrica, purché l’apparecchiatura sia al servizio dell’abitazione del contribuente.

In effetti, per beneficiare dell’agevolazione fiscale del 50% (art. 16-bis del Tuir), spiega l’Agenzia, occorre che i pannelli fotovoltaici siano al servizio dell’immobile residenziale; in questa maniera, l’impianto verrebbe utilizzato per fini domestici e non commerciali.

L’Autorità spiega che per avere diritto a richiedere il beneficio, il contribuente dovrà presentare la documentazione che attesta l’acquisto e l’installazione dell’impianto fotovoltaico, non essendo invece necessario documentare l’entità del risparmio energetico relativo.

I contribuenti che intendono così fruire dell’agevolazione dovranno in ogni caso conservare le abilitazioni amministrative richieste dalla legislazione edilizia.

Le detrazioni ammontano adesso al 50% (non più al 36%) e riguardano le spese di acquisto e di realizzazione di un impianto fotovoltaico per la produzione di energia elettrica sostenute dal 26 giugno 2012 al 30 giugno 2013 (Dl n. 83 del 2012). E’ prevista inoltre la detrazione del 55% per gli interventi di riqualificazione edilizia mirati al risparmio energetico. 

Per maggiori informazioni, vi consigliamo di visitare il sito web dell’Agenzia delle Entrate.

Commenti Facebook: