Fondo garanzia prima casa: che cosa è come funziona

Fondo giovani coppie, Fondo casa e Fondo garanzia prima casa. Un susseguirsi di interventi legislativi che hanno agevolato fino ad oggi le giovani coppie nell'acquisto della prima abitazione e negli interventi di ristrutturazione ed di efficienza energetica. Il Fondo garanzia prima casa, che cosa è come funziona? Chi può presentare domanda per la concessione di una garanzia mutuo ipotecario e a quali condizioni? Ecco le risposte.

Fondo garanzia prima casa: che cosa è come funziona

Per ottenere una garanzia mutuo ipotecario da parte dello Stato per acquisto di abitazione, bisogna fare domanda per accedere ad un apposito fondo istituito in favore delle giovani coppie. Si tratta del Fondo garanzia prima casa, che ha sostituito nel 2014 il Fondo Giovani coppie e il vecchio Fondo casa. Non tutti sanno però, il Fondo garanzia prima casa che cosa è come funziona. In questo articolo SosTariffe.it fornirà tutte le informazioni utili per accedere all’agevolazione.

Fondo garanzia prima casa: che cosa è come funziona

Anche per il 2015 (grazie alla Legge di Stabilità) il Governo ha stanziato 650 milioni di Euro, che confluiti all’interno del Fondo garanzia prima casa per favorire l’accesso ad un credito, da parte delle coppie al di sotto dei 35 anni, finalizzato ad acquistare la prima casa, effettuare ristrutturazioni e intervenire sull’efficienza energetica.

Chi presentando domanda riuscirà ad accedere al fondo, otterrà una garanzia mutuo ipotecario per prestiti non superiori a 250.000 Euro. In sostanza, si avrà diritto ad un tasso agevolato di finanziamento, negoziabile con la banca tramite il fondo. La garanzia copre il 50% del capitale a finanziamento ed è irrevocabile. Cosa accade se, successivamente alla concessione della garanzia, non si riesce a pagare le rate del mutuo?

Naturalmente l’istituto bancario invierà un sollecito di pagamento, e informerà la Consap dell’insolvenza. Se trascorsi 12 mesi lo stato di insolvenza persiste, la banca potrà chiedere l’intervento del Fondo garanzia prima casa, che interverrà coprendo le rate mancanti. La conseguenza dell’intervento però,è  il passaggio della posizione debitoria (comprensiva d’interessi) dalle casse dell’istituto bancario a quelle dello Stato, che provvederà al tentativo di recupero credito inviando una cartella esattoriale. Il rischio per chi non riesce a restituire quanto ottenuto è il pignoramento dell’immobile.

Richiedi un preventivo per il tuo prestito

Chi può accedere all’agevolazione? Su quali immobili è prevista?

Possono accedere al beneficio le coppie under 35 anni, i nuclei monogenitoriali con figli (sempre under 35), i giovani che hanno un lavoro atipico o gli affittuari di alloggi sociali IACP. Per ottenere la garanzia mutuo ipotecario del Fondo garanzia prima casa, la richiesta deve riguardare un immobile ubicato sul territorio italiano, che rientri nelle categorie dell’uso abitativo escluse le categorie A1, A8 e A9. L’accesso al fondo inoltre, è riservato solo a chi non possiede altri immobili ad uso abitativo, salvo quelli acquisiti in eredità (anche in comunione) e in uso a titolo gratuito a genitori e fratelli.

Come presentare domanda per la garanzia mutuo ipotecario

Dopo aver trattato del Fondo garanzia prima casa che cosa è come funziona, ecco spiegato come presentare domanda.

Chi possiede i requisiti necessari ad ottenere l’agevolazione, può presentare apposita richiesta ad uno degli istituti bancari che hanno aderito al fondo. Per farlo, è necessario utilizzare il modulo scaricabile sul sito del Dipartimento del Tesoro o sul sito della Consap, consultando preliminarmente l’elenco delle banche e degli intermediari in adesione.

Una volta individuati gli istituti a cui rivolgersi, bisogna scovare il finanziamento migliore. Come fare? Confronta la offerte prestiti e finanziamenti su mutuo casa disponibili nel motore di ricerca di SosTariffe.it.
Confronta prestiti online »