Finanziamenti start up: CheBanca! sostiene il Fintech

Crowdfunding, e-commerce e sicurezza: nel 2015 i finanziamenti start up sono arrivati a 33,6 milioni di euro, segno che le banche (oggi più che mai) investono in tecnologia sostenendo le giovani imprese per dare nuova linfa al business bancario. CheBanca! con la sua call for ideas nell’ambito dei CheBanca! Italian FintechAwards, ha già scelto 10 progetti innovativi offrendo nuove prospettive.

Nuove calls per la tecnologia che rivoluziona il business bancario

In Italia i finanziamenti start up sono cresciuti enormemente, passando da 7,15 del 2014 a 33,6 milioni di euro nel 2015. Il merito -come riconoscono le banche- va attribuito alle menti brillanti impegnate nel Fintech: neo imprenditori che sviluppano la tecnologia applicata al business bancario.

Gli istituti di credito non solo apprezzano nuove idee e progetti di crowdfunding, sicurezza ed e-commerce, ma investono e danno grandi opportunità di crescita e di sostegno, proprio come CheBanca!.
Scopri finanziamenti online

Boom di finanziamenti start up: CheBanca! è in prima linea

Il Fintech (digitalizzazione dei servizi bancari) spopola fra le start up e interessa alle banche, che assumono ormai lo sviluppo della tecnologia come elemento imprescindibile per sviluppare il business di settore. Solo in Italia quasi la metà delle imprese (il 45%) si occupa di crowdfunding e il 16% di servizi bancari. Il 12% invece, lavora ai pagamenti, il 9% all’ e-commerce e il 4% allo studio dei sistemi di sicurezza.

Nell’era digitale, per raggiungere nuovi clienti, le banche devono premiare e sostenere le idee più innovative, proprio come fa CheBanca! con i suoi Italian FintechAwards legati ai finanziamenti start up. Grazie a questa iniziativa, che segue la call for ideas dell’istituto, 10 progetti sono stati selezionati e si sfideranno a Milano il 5/6 maggio prossimo per guadagnarsi il successo.

finanziamenti_investimenti

Il premi per il primo classificato sono l’erogazione di 25mila Euro ed un viaggio a Londra, capitale del Fintech, per formarsi e dare corpo al progetto. In realtà però, è per tutti i 10 selezionati che l’ opportunità di CheBanca! diventa reale, perché i partecipanti -a prescindere dal podio- possono esser scelti per una collaborazione con CheBanca!.

L’istituto apre scenari e prospettive di crescita, sostiene seguendo l’onda del digital banking. Quanto all’investimento in tecnologia, negli ultimi due anni l’Italia ha visto numerosi finanziamenti start up Fintech, da Sud a Nord dello Stivale.

[WIDGET-LOAN

I numeri dei finanziamenti start up Fintech

Il Direttore Generale di CheBanca!, Roberto Ferrari, considera le start up una linfa vitale per l’innovazione tecnologica, essenziale per la crescita del business bancario. La sua opinione d’altronde, è sorretta dai numeri del Fintech in Italia e all’estero: scopriamoli.

Le statistiche di CB Insight dicono che nel mondo sono stati investiti 22, 3 miliardi di dollari nel Fintech, ovvero 22,3 miliardi di finanziamenti start up. Questi numeri rappresentano il doppio di quelli relativi al 2014, anno in cui – almeno per quanto riguarda l’Europa- le banche hanno investito 1,8 miliardi di euro. In Italia invece, il vincitore del CheBanca! Italian Fintech (oltre all’erogazione del finanziamento) ha avuto accesso ai 2 Fintech accelerator più importanti a Londra, Level39 e Startup Bootcamp FinTech e ricevuto sessioni di coaching personalizzate.

L’anno che ha rivoluzionato il destino delle imprese italiane dedite alla tecnologia è stato il 2015, che ha visto 33,6 milioni di euro stanziati contro i 7,1 milioni del 2014. In sostanza il 45% dei rispondenti ha ottenuto un finanziamento facile e veloce.
Confronta prestiti online

L’eccellenza italiana nel business della tecnologia

CheBanca! riporta i dati di StartupItalia! segnalando la presenza di 115 start up attive: imprenditori e imprenditrici brillanti ed iper-tecnologici. Il Nord Italia ne ospita il 69% (solo in Lombardia ce ne sono 41, 13 in Emilia Romagna e 7 in Piemonte) mentre il Sud  ospita il 12% con una concentrazione di 7 in Campania. Il Centro vanta il 19%, dove eccelle la Regione Lazio con 12 imprese attive (l’11% del totale).

La maggior parte di queste,  si sono rivolte ai prestiti start up CheBanca!. L’88% delle imprese è stato avviato da uomini, solo il 12% da donne.
dove_si_concentrano (1)
Per i finanziamenti start up Fintech CheBanca!, cerca l’offerta cliccando sul comparatore.
Trova prestito CheBanca!

Commenti Facebook: