Fideiussione assicurativa: di cosa si tratta?

La fideiussione assicurativa è una polizza diffusa sia tra i privati che tra le aziende, con cui una società di assicurazioni o una banca si impegnano a far fronte alle eventuali inadempienze del contraente, garantendo per esso l’adempimento di accordi che sono stati pattuiti verso un terzo soggetto, ovvero il beneficiario. Gli ambiti applicativi di questo strumento sono diversi, vediamoli qui di seguito.

Uno strumento usato sia da aziende che privati

Che cos’è la fideiussione assicurativa

La fideiussione assicurativa è, dal punto di vista della definizione, molto semplice: si tratta di una polizza con la quale la compagnia di assicurazione si fa carico di un impegno preso dal contraente, garantendo l’adempimento degli accordi pattuiti nei confronti del beneficiario. In pratica, quando si chiede un finanziamento o un prestito, ma anche in diverse altre fattispecie – da un appalto all’affitto – ci si può rivolgere a una banca o a una compagnia assicurativa affinché facciano da garanti.

Questi ultimi, in sostanza, diventano fideiussori, e nel caso in cui chi contrae la polizza non fosse più in grado di rispettare gli impegni presi (ad esempio per la restituzione del finanziamento o il pagamento delle rate di un affitto), saranno loro a occuparsene.

Naturalmente ricevere una polizza fideiussoria assicurativa, considerando il rischio per la società, non è semplice: è necessario prima che la compagnia verifichi la solvibilità del contraente e l’entità del rischio. Di solito le compagnie assicurative sono più veloci delle banche nel dare la risposta definitiva. Si tratta comunque di una pratica piuttosto comune per privati e soprattutto per aziende.
Confronta le assicurazioni mutuo

Che cosa serve per la fideiussione assicurativa

La società che farà da fideiussore nei rapporti tra il contraente e il beneficiario richiede pertanto alcuni documenti che devono essere forniti per illustrare la situazione di solvibilità del contraente stesso, come la dichiarazione dei redditi per una persona privata, la dichiarazione IVA per un professionista o il bilancio dell’azienda per gli ultimi anni quando a chiedere la polizza fideiussoria è un’azienda.

In seguito, in caso di approvazione della pratica, viene emessa la polizza dove viene specificato con chiarezza l’importo garantito al beneficiario in caso di inadempienza del contraente, la durata del contratto e, naturalmente, il costo che questa garanzia ha per il contraente, cioè il premio della polizza. Attenzione perché quando si chiedere una polizza fideiussoria a una banca, sovente è richiesto il contemporaneo congelamento di beni e somme di denaro a titolo di garanzia.

Tra le diverse tipologie di fideiussione assicurative ci sono le polizze definitive per gli appalti pubblici, le cauzioni provvisorie per gli appalti, le polizze a garanzia di contratti tra privati, le cauzioni doganali, le polizze fideiussorie per locazione, le cauzioni per concessioni pubbliche, le fideiussioni per IVA e rimborsi di vario genere.

Commenti Facebook: