Fibra al cinema, anche il Festival di Berlino apre al digitale

Man mano che cresce la capacità di download e di upload delle connessioni ad alta velocità, le possibilità di questa tecnologia conquistano i settori più disparati. È il caso del cinema, anche quello d’autore del Festival di Berlino, la cui organizzazione per la 65a edizione si è rivolta a Colt – già partner da sette anni – questa volta anche per un data center esterno.

Berlinale
Un data center esterno ospiterà i 400 film del Festival

Già, perché fino a poco fa era lo stesso Ufficio Film del Festival a fare da centro di archiviazione per i film in gara, ma ora sarà una struttura ultra-sicura e dotata delle più avanzate tecnologie per la fibra ottica a ospitarli, garantendo al tempo stesso la massima sicurezza e una visione perfetta per tutti gli appassionati di cinema.

Il data center di Colt è in grado di archiviare e trasmettere i dati dei 400 film che verranno presentati e soprattutto dei 14 in gara, con una capacità di stoccaggio di 400 terabit. Ora, del resto, i film non sono più su pellicola o sull’antiquato dvd, ma in formato digitale, e i file – per far sì che non si perdano dati – sono tutti criptati con appositi software.
Confronta le offerte per la fibra
In più, per la prima volta la Berlinale potrà contare su una connessione pari a 10 Gb/s per portare con grande rapidità i film nelle varie sedi sparse destinate alla proiezione nella capitale tedesca.

Commenti Facebook: