Fibra 1.000, 5G e GPON: le connessioni del futuro

Il mondo delle telecomunicazioni sta vivendo un periodo di profonda trasformazione con nuove tecnologie che iniziano a farsi strada sia nel settore mobile che in quello della telefonia fissa. Tutti queste novità porteranno, per gli utenti, una lunga serie di vantaggi e la possibilità di vivere in modo sempre più connesso. Ecco tutti i dettagli sulle connessioni del futuro, dalla fibra 1.000 al 5G. 

Tante novità per le connessioni Internet ad alta velocità in Italia

Il 2017 si chiude con la certezza che il settore delle telecomunicazioni, sia in ambito fisso che nel settore mobile, sta vivendo un periodo di profonda trasformazione in Italia. Già da quest’anno, infatti, la fibra ottica 1.000 con tecnologia FTTH ha iniziato il suo processo di diffusione sul territorio nazionale, permettendo ad un numero sempre crescente di utenti di poter navigare ad una velocità 50 volte maggiore di quanto può garantire, al massimo, una connessione ADSL.

Nel frattempo, nel nostro Paese, è iniziata la fase di sperimentazione del 5G, il nuovo standard di connessioni in mobilità che, a partire probabilmente dal 2020, si affiancherà al 4G garantendo connessioni ancora più veloci per i nostri smartphone con tempi di latenza minima. L’avvento del 5G segnerà un importante passo in avanti anche per lo sviluppo del settore IoT.

Il 5G e le reti in fibra ottica ad alte prestazioni rappresentano i due elementi che, in futuro, garantiranno connessioni ad altissima velocità, in qualsiasi condizione, sia da casa che in mobilità con enormi vantaggi per gli utenti, sia in ambito privato che lavorativo. Ecco tutte le novità in arrivo:

Fibra ottica sino a 1.000 Mega: la banda ultra-larga direttamente a casa

Grazie alla spinta al settore data dal progetto di Open Fiber, la fibra ottica con tecnologia FTTH (Fiber to the Home) sta diventando, sempre di più, un punto di riferimento per gli utenti italiani. La banda ultra-larga di Open Fiber utilizza una soluzione punto-multipunto in tecnologia GPON (Gigabit-capable Passive Optical Network) e rappresenta il primo passo di un progetto “future-proof” in grado di evolversi negli anni futuri seguendo le nuove tecnologie in arrivo e garantendo connessioni ad Internet fisse sempre più veloci.

Ad oggi, il debutto della fibra FTTH, sino a 1.000 Mega in download, ha trasformato radicalmente il mercato della telefonia fissa, spingendo anche altre aziende, come Flash Fiber, joint venture creata da Fastweb e TIM, ad accelerare il processo di espansione della banda ultra-larga in Italia.

In pochi mesi, la diffusione della fibra ottica è cresciuta in modo sostanziale e nel corso del 2018 il numero di utenti che potrà navigare con la fibra 1.000 da casa sarà destinato a crescere ancora. I vantaggi per questi utenti sono evidenti. Le connessioni tramite fibra FTTH sono in grado di garantire tempi di latenza minimi e di supportare lo streaming contemporaneo di più contenuti video in alta risoluzione. La banda ultra-larga permette di ridurre al minimo, o anche di azzerare del tutto, i problemi di connessione legati ad una banda intasata.

La possibilità di utilizzare la stessa rete per i futuri upgrade tecnologici, che porteranno tra qualche anno al debutto delle prime connessioni da 10 Giga (ovvero 10 mila Mega) di velocità massima rappresenta un punto di forza notevolissimo e una garanzia importante per gli utenti. Con lo sviluppo capillare della rete in fibra ottica FTTH, navigare ad alta velocità da casa non sarà più un problema.

Ricordiamo che tramite il comparatore di SosTariffe.it per offerte in fibra ottica, accessibile tramite il box qui di sotto, è possibile individuare le migliori tariffe per attivare un nuovo abbonamento per la linea fissa di casa con Internet ad altissima velocità.
Scopri le offerte fibra più convenienti

5G: il nuovo standard di connettività in mobilità arriverà tra pochi anni

L’altra faccia della medaglia per il futuro delle telecomunicazioni è rappresentata dalle connessioni 5G che, proprio in questi mesi, hanno debuttato in forma sperimentale in Italia con tutti gli operatori del settore impegnati a sviluppare la loro rete mobile di nuova generazione in attesa di un debutto che, probabilmente, potrebbe avvenire, in alcune aree selezionate, già nel 2019.

E’ proprio a partire dal 2019 che debutteranno sul mercato dispositivi, smartphone in particolare, che integreranno modem in grado di gestire le reti 5G. Ad oggi, infatti, i dispositivi di ultima generazione supportano le reti 4G e, con la tecnica del carrier aggregation, utilizzando più bande LTE possono spingersi sino ad una velocità massima teorica di 1.2 Gbps. Le reti 5G utilizzeranno nuove frequenze e richiederanno modem di nuova generazione per poter essere sfruttate. Il punto di arrivo del processo di sviluppo è di realizzare connessioni mobili da 10 Gbps.

Le reti 5G di nuova generazione potrebbero diventare un fattore importante per la connettività mobile in Italia già a partire dal 2020. Le nuove connessioni saranno più veloci (sia in termini di download che di upload) ed avranno una latenza nettamente inferiore. La nuova tecnologia garantirà connessioni ad alta velocità da dispositivi mobili anche in condizioni di rete particolarmente congestionata.

Si tratta di un passaggio essenziale per aprire le porte alla diffusione dell’Internet of Things (IoT) con milioni di dispositivi “smart” costantemente connessi ed in grado di interagire, in qualsiasi momento, tra loro. Anche in questo caso, i vantaggi per gli utenti saranno tantissimi.

Il debutto delle reti di nuova generazione e dei primi smartphone “5G ready” non è così lontano. Il 2017, con l’avvio della fase di sperimentazione, ha avuto un ruolo molto importante nell’avviare il passaggio generazione che dovrà concretizzarsi nel prossimo biennio. Per ulteriori dettagli sulle tempistiche legate all’arrivo delle prime reti 5G sarà necessario attendere  i primi mesi del prossimo anno.

Commenti Facebook: