Fasce elettricità: come risparmiare sulle bollette della luce

Per risparmiare sulle bollette della luce un’alternativa è attivare una tariffa energia bioraria. Questo tipo di tariffe sono molto convenienti per chi riesce a concentrare i consumi nelle fasce elettricità più agevolate, ovvero dopo le 19.00 ed entro le 08.00 dei feriali, e durante tutto il weekend e i festivi. Così facendo, è possibile risparmiare circa 40€ all’anno. Scopri come risparmiare sulle bollette della luce con le migliori tariffe biorarie del mercato libero.

Tariffe biorarie della luceSul Mercato Libero dell’Energia Elettrica è presente un’ampia offerta di tariffe biorarie, che consentono ai consumatori più attenti di risparmiare cifre considerevoli sulle bollette della luce.

La tariffa bioraria è stata introdotta in Italia nel 2010, e prevede un tipo particolare di tariffazione. Il prezzo dell’energia elettrica con la bioraria, infatti, viene fissato in maniera diversa in fascia giornaliera, rispetto a quella serale dei festivi e dei week-end.

Per capire quanto esattamente si può risparmiare se si consuma la luce in una fascia piuttosto che un’altra, SosTariffe.it ha condotto diverse indagini sulla convenienza dell’opzione bioraria in Italia.

Tuttavia, molti italiani ancora non sanno trarre vantaggio dalle tariffe biorarie perché non spostano i loro consumi verso le fasce orarie più agevolate nella misura necessaria per risparmiare.

In effetti, secondo lo studio di SosTariffe.it, condotto su un campione di 280mila utenti – consumatori, che hanno usato il comparatore delle offerte per l’energia elettrica tra agosto 2011 e gennaio 2012, la ripartizione annua dei consumi attuale in Italia è del 53,99% in fascia H1 (o F1, giorno), e solo del 46,01% in fascia H2 (nota anche come F2/F3, ovvero notte, festivi e fine settimana).

Questo punto è chiave, perché con la tariffazione bioraria il risparmio si ottiene spostando almeno il 66% dei consumi in fascia H2. Altrimenti, si è in sovrapprezzo.

Per maggiori informazioni su come cambiano le tariffe in funzione alla ripartizione annua dei consumi, leggete il nostro articolo sugli Orari risparmio Energia elettrica: la convenienza dei consumi in Fascia H2.

Le migliori tariffe biorarie

Se siete in grado di spostare almeno il 66% dei consumi nelle fasce agevolate, magari perché il vostro ritmo di vita vi allontana da casa durante la giornata, allora per pagare di meno sulla bolletta delle luce vi conviene attivare una tariffa bioraria. Ma quale?

Utilizzando il comparatore gratuito ed indipendente di SosTariffe.it, abbiamo individuato le migliori tariffe biorarie per una famiglia tipo (fornitura residenziale con potenza contrattuale di 3 Kw e consumo annuo di 2700 Kw). Vediamo quali sono:

E-Light Bioraria di Enel Energia

Al primo posto troviamo E-Light Bioraria, la tariffa bioraria di Enel Energia, con la quale si possono risparmiare 36 euro circa all’anno.

Questa tariffa è a prezzo bloccato per 12 mesi, il che significa che non è soggetta ai frequenti aumenti sulla bolletta della luce.

Ulteriori approfondimenti su questa tariffa Enel sono disponibili nel nostro articolo: Quanto risparmio con E-Light di Enel?

Vai a E-Light Bioraria di Enel

Luce Sconto Facile di Edison Energia

Continua la lista una tariffa bioraria di Edison Energia, Luce Sconto Facile, che consente un risparmio di 27,33 euro all’anno. Si tratta di una tariffa indicizzata dall’Autorità e perciò il prezzo non rimane fisso ma può variare se si dovessero verificare aumenti.

Vai a Luce Sconto Facile Bioraria

Ci sono altre tariffe biorarie, come ad esempio Amica Web Flat Bioraria di Illumia o Acea Unica Luce Bioraria, che consentono un risparmio rispetto la tariffa a Maggior Tutela. Tutte sono consultabili sul nostro portale.

Come spostare i consumi nelle fasce agevolate?

Attivare una tariffa bioraria consente di risparmiare, come già visto, ma sempre che si riesca a spostare i consumi il più possibile nelle fasce agevolate, ovvero dalle 19.00 alle 08.00 ore e nei weekend e festivi.

Questo può significare un cambiamento di abitudini importanti in certi casi. Ecco alcuni semplici consigli per riuscirci:

Programmare la lavatrice

Per spostare i consumi un’opzione è la programmazione notturna della lavatrice. In effetti, attualmente molti di questi apparecchi includono la funzionalità di programmare la partenza del ciclo di lavaggio ad una determinata ora.

In questa maniera, si può programmare la partenza ad esempio alle 06.00 am, assicurandosi così che l’intero ciclo di lavaggio finisca prima dalle 08.00 am, stendendo i panni a prima mattina.

Naturalmente, se la vostra lavatrice non prevede questa funzionalità, potete sempre effettuare il lavaggio dopo le 19.00, stendendo i panni di notte.

Rimandare al weekend i lavori domestici

Se siete da soli o in pochi, probabilmente potete aspettare il fine settimana per molte faccende domestiche che richiedono energia elettrica, nel quale non ci sono differenze orarie e potete approfittare delle tariffe più vantaggiose anche durante il giorno.

Molti utenti che hanno imparato a trarne vantaggio dalle biorarie, ad esempio, aspettano i weekend o le ore serali anche per stirare i vestiti, oppure per utilizzare la lavastoviglie, l’aspirapolvere o il forno elettrico.

Sul nostro portale è possibile mettere a confronto tutte le tariffe dell’energia elettrica, sia quelle del mercato libero come la tariffa a maggior tutela, per trovare la tariffa -bioraria e non- che meglio si adatta alle proprie esigenze.

Confronta Tariffe Energia Elettrica

Commenti Facebook: