Fallimento d’impresa: le assicurazioni risollevano le PMI

Le assicurazioni svolgono un ruolo importante nel risollevare le imprese dalla crisi, lo afferma Dario Focarelli, Direttore Generale di Ania. Su un campione di 537mila PMI con meno di 250 dipendenti un’estensione delle garanzie assicurative significa riduzione del rischio legato al credito e aiuterebbe a scongiurare il fallimento d’impresa. Soprattutto nei settori edilizio e manifatturiero, un’assicurazione impresa ad hoc allenterebbe le problematiche del management.

Un'assicurazione impresa per diminuire il rischio legato al management

Le assicurazioni salveranno le PMI dal fallimento d’impresa. Ne è convinto il Direttore Generale di Ania (Associazione Nazionale delle Imprese Assicuratrici) Dario Focarelli, recentemente intervenuto al Convegno dell’associazione sul tema Solvency II  tenutosi a Milano pochi giorni fa. Un’assicurazione impresa è la soluzione giusta per diminuire i rischi legati al management e scongiurare il tracollo finanziario.

Dall’indagine svolta da Ania in collaborazione con il Cerveduna delle principali agenzie di rating d’Europa – sul rapporto tra assicurazioni e tasso di fallimento d’impresa, emerge che ad un campione di 537mila imprese con meno di 250 dipendenti l’estensione delle garanzie assicurative potrebbe salvare la vita. Un’assicurazione impresa infatti diminuisce notevolmente i rischi legati al credito e agli investimenti, i benefici riguardano soprattutto le start up ma non escludono le altre PMI.

Come sottolineato da Dario Focarelli, le garanzie assicurative giovano in primo luogo ai settori edilizio e manifatturiero. Sul primo in particolare pesano i rischi legati all’andamento del mercato immobiliare, ma anche quelli del deperimento o della distruzione su beni e macchinari da lavoro su cui si è investito.
Confronta preventivi RC auto

Commenti Facebook: