Esenzione canone RAI: come ottenerla in 4 mosse

Il 31 gennaio 2018 scade il termine ultimo per effettuare la richiesta di esenzione del canone RAI per la durata dell’intero anno. Ci sono diverse tipologie di cittadini che possono chiedere l’esenzione dal canone, come coloro che non possiedono una TV, chi ha un reddito particolarmente basso e un’età elevata e chi ricopre specifiche funzioni, come i militari stranieri o gli ambasciatori. Qui di seguito, ecco come fare.

Le modalità da seguire per chi non ha una televisione

L’esenzione quando non si possiede una tv

Dal 2016, il canone RAI viene pagato insieme alla bolletta dell’energia elettrica, una scelta che ha permesso di ridurre in modo drastico l’evasione. Ci sono però dei casi in cui non si è tenuti a pagare il canone, vediamo quali sono e le quattro mosse da seguire, in caso di esenzione per chi non ha una tv:

  1. Recarsi sul sito dell’Agenzia delle Entrate e scaricare il modulo per l’esenzione (c’è una pagina dedicata).
  2. Compilare il modulo in ogni sua parte, cioè con i dati anagrafici e il codice fiscale.
  3. Segnare l’opzione corretta nel Quadro A e firmare il documento.
  4. Spedirlo all’Agenzia dell’Entrate. Ci sono tre possibilità: online, utilizzando le credenziali di accesso ai servizi telematici dell’Agenzia; rivolgendovi a un CAF o a un commercialista; inviando una raccomandata con ricevuta di ritorno all’indirizzo Agenzia delle Entrate, Ufficio di Torino 1, S.A.T. – Sportello abbonamenti TV – Casella Postale 22 – 10121 Torino.

E per quanto riguarda i tempi? Bisogna spedire il tutto entro il 31 gennaio del 2018, meglio entro il 20 dicembre 2017 per evitare l’addebito del canone sulla bolletta della luce (visto che la prima rata del canone 2018 parte proprio a gennaio).
Confronta le offerte TV

L’esenzione per basso reddito

Per chi ha un basso reddito (6.713 euro al massimo) e più di 75 anni si può accedere all’esenzione. In questo caso le mosse sono le seguenti:

  1. Recarsi sul sito dell’Agenzia delle Entrate e scaricare l’apposito modulo di dichiarazione sostitutiva.
  2. Compilare il modulo in ogni sua parte.
  3. Segnare l’opzione corretta nel Quadro A e firmare il documento.
  4. Spedirlo all’Agenzia dell’Entrate. In questo caso ci sono due possibilità: inviando una raccomandata con ricevuta di ritorno all’indirizzo Agenzia delle Entrate, Ufficio di Torino 1, S.A.T. – Sportello abbonamenti TV – Casella Postale 22 – 10121 Torino, oppure consegnandolo presso un ufficio territoriale dell’Agenzia delle Entrate.

Da segnalare che godono dell’esenzione anche alcune particolari categorie di residenti, cioè i diplomatici, i funzionari, gli impiegati consolari, i funzionari di organizzazioni internazionali, i militari stranieri. In questi casi il documento deve essere presentato dall’interessato, insieme a un documento di identità, presso l’Agenzia delle Entrate – Ufficio Torino 1 – Sportello abbonamenti TV – Casella postale 22 – 10121 Torino.

Nel caso in cui, per un ritardo, si dovesse richiedere il rimborso del canone già addebitato sulla bolletta, sul sito dell’Agenzia delle Entrate c’è un altro modulo liberamente scaricabile.

Commenti Facebook: