Energie rinnovabili: soddisfatta un quinto della produzione

Secondo quanto affermato dal NREL (National Renewable Energy Lab), le fonti rinnovabili sarebbero oggi in grado di coprire circa il 23% dell’elettricità mondiale, con una strada in continua crescita che sembra essere confermata dai più recenti auspici per il prossimo futuro a breve e a medio termine.

Triplicare gli investimenti eco-energetici per frenare il surriscaldamento
Triplicare gli investimenti eco-energetici per frenare il surriscaldamento

Stando a quanto ribadito nel report denominato “Renewable Energy Data Book”, inoltre, il traino del dato sarebbe stato garantito non solamente dalle economie più “mature”, quanto anche (e, in certi casi, soprattutto) dai progressi che i Paesi emergenti e in via di industrializzazione stanno compiendo nel comparto dell’energia elettrica.

Confronta le tariffe energetiche»

Nel settore fotovoltaico, ad esempio, i Paesi più dinamici e con la maggiore capacità produttiva sarebbero Germania, Italia, Stati Uniti, Cina e Giappone, mentre nel solare termico la top 5 sarebbe occupata da Spagna, Stati Uniti, Algeria, Egitto e Australia. Nel geotermico a prevalere sono gli Stati Uniti (seguiti da Filippine, Indonesia, Messico e Italia), mentre nell’idroelettrico nessuno produce più della Cina (seguita da Brasile, Stati Uniti, Canada e Russia).

Infine, nel settore eolico le prestazioni migliori sarebbero quelle di Cina, Stati Uniti, Germania, Spagna e India, mentre nelle biomasse le prime 5 nazioni sono Stati Uniti, Brasile, Cina, Germania e Svezia.

Commenti Facebook: