Energia, i certificati bianchi e il risparmio energetico

I certificati bianchi, ovvero i titoli di efficienza energetica, sono stati recentemente modificati con la delibera EEN 9/2011 dell’AEEG. Tuttavia, lo scenario rimane complesso e vi sono molteplici possibilità di perfezionamento, alcune di cui potrebbero essere introdotte nel prossimo decreto ministeriale con il quale l’MSE specificherà i nuovi obblighi.

Questi sono i principali argomenti che si discuteranno nella conferenza FIRE/ISNOVA ”Certificati Bianchi. Titoli di efficienza energetica a portata di mano”, che si terrà a Milano mercoledì 21 e giovedì 22 marzo 2012.

In particolare, è prevista la formazione di gruppi di lavoro che dovranno discutere la possibilità di agevolare e ottimizzare i metodi attuali di valutazione del risparmio energetico, un aspetto che è sempre più importante, data la tendenza dell’ultimo biennio all’incremento dei progetti industriali.

Nel corso delle due giornate, inoltre, è previsto un workshop intitolato “L’innovazione nel mercato dei Certificati Bianchi: promuovere e realizzare interventi di efficienza energetica con equity” del Main Sponsor VentoNovo Energie.

Sin dagli inizi del 2005 e fino al 2011, questo sistema dei “certificati bianchi”, ha generato un risparmio energetico di più di 9,6 milioni di tonnellate equivalenti di petrolio in tutta Italia, grazie alla diffusione di tecnologie di maggior efficienza nelle abitazioni, nei servizi e nell’industria.

Questo dato emerge dal Sesto Rapporto Annuale sul meccanismo dei titoli di efficienza energetica che dimostra la favorevole evoluzione del sistema dei certificati bianchi nel generare risparmi energetici e di conseguenza economici, e nel cooperare nel raggiungimento degli obiettivi italiani del 20-20-20.

In questo senso, un’ulteriore buona notizia è l’incremento nella quantità di soggetti coinvolti nella diffusione dell’efficienza energetica, gli “energy manager”; rispetto al 2010, questi soggetti sono raddoppiati e si registra inoltre una crescita del 28% delle società di servizi energetici che hanno generato un risparmio di energia elettrica di circa 6 volte rispetto quelli dei distributori obbligati.

È prevista la presenza alla conferenza di funzionari AEEG, ENEA ed operatori di energia elettrica.

Commenti Facebook: