Energia elettrica meno cara

Energia elettrica quanto mi costi? E’ questa la domanda che gli italiani si fanno quando ricevono la bolletta della luce. Effettivamente il costo per l’erogazione dell’energia pesa non poco sulle casse delle famiglie. Esistono però dei modi per risparmiare e contenere la spesa. Il primo metodo è quello di individuare una miglior tariffa nel mercato libero. Il secondo prestare attenzione ai consumi. Vediamo quali sono le offerte per poter avere energia elettrica meno cara.

energia
Risparmiare sull'energia: il mercato libero aiuta

Il mercato libero dell’energia elettrica rappresenta un grande aiuto al contenimento della bolletta. Il risparmio economico può superare i 70 euro all’anno. I gestori che operano nel mercato libero sono in estrema competizione tra loro e tendono quindi a proporre offerte più vantaggiose per conquistare nuovi clienti. Questi gestori hanno dalla loro parte anche il fatto di proporre numerosi servizi aggiuntivi molto utili che spaziano dai metodi di pagamento automatici, alle opzioni per l’energia verde, alle raccolte punti.

Energia elettrica meno cara con i gestori “liberi”

Simulando la spesa energetica di una famiglia di tre persone che utilizza forno, lavatrice, frigo e condizionatore (circa 3000 kWh all’anno) è probabile che la spesa energetica sfiori i 600 euro. Ma per contenerla, se si guarda al mercato libero si trovano tariffe nettamente più vantaggiose. La spesa in questo modo si abbassa dai 50 agli 80 euro.

I gestori che al momento appaiono più economici sono:

  • Sorgenia;
  • Enel;
  • Illumia;
  • Edison.

Nella simulazione è stato considerato un consumo a metà durante il giorno e l’altra metà in orari serali. Questo significa che in buona parte sono state premiate le tariffe monorarie, ovvero quello che prevedono un costo uguale a tutte le ore. Qualora il consumo fosse però concentrato dopo le 19.00 converrebbe optare per tariffe biorarie.

Nel dettaglio con una spartizione a metà le tariffe più economiche sono:

Next Energy Luce di Sorgenia con un costo per kWh di 0,06396 €/kWh. La tariffa prevede l’erogazione di energia proveniente da fonti rinnovabili, ha un prezzo per quanto riguarda la componente energia bloccata per 12 mesi e include anche:

  • Modalità di pagamento: addebito automatico su conto corrente (SDD), senza alcun costo aggiuntivo;
  • Partecipazione a PAYBACK, il principale programma fedeltà multipartners italiano.

Risparmia con Sorgenia

E-light di Enel con un costo di 0,03690 €/kWh e anche in questo caso l’energia erogata è green. Esiste anche una versione bioraria che prevede costi differenziati per fascia oraria: 0,07500 €/kWh in fascia diurna e 0,01800 €/kWh durante gli orari serali e weekend. Tra i servizi inclusi si trovano anche:

  • partecipazione alla raccolta punti Enelpremia 3.0;
  • bolletta elettronica; servizio notifiche SMS;
  • carta vantaggio EnelMia.

L’offerta di Illumia chiamata Smart Web è in questo caso una bioraria che prevede un costo di 0,07500 €/kWh nell’orario di punta, 0,02500 €/kWh in orari serali e 0,02000 €/kWh nelle ore notturne. Altri vantaggi sono la possibilità a 2 euro/mese di avere energia rinnovabile; pagamento con RID che permette di risparmiare sui costi di pagamento con bollettino. Inoltre optando per questa soluzione di pagamento si eviterà il deposito cauzionale.

Risparmia con Illumia

Edison Best bioraria prevede infine un costo di 0,07600 €/kWh nell’orario di punta e 0,02000 €/kWh negli orari serali e weekend. Tra gli ulteriori vantaggi proposti si trovano:

  • 300 punti in omaggio sul programma Noi Edison che permette di raccogliere punti e aggiudicarsi ottimi premi da catalogo;
  • possibilità di essere informati qualora nel mercato fosse presente una tariffa più vantaggiosa.

Scopri Edison Best bioraria

Energia elettrica meno cara sfruttando i servizi accessori

Gli operatori del mercato libero offrono servizi comodi e che permettono anche di abbassare ulteriormente l’importo da pagare. Tra questi spiccano:

  • pagamento con Rid;
  • invio della bolletta in formato elettronico.

Questi due servizi oltre che tradursi in risparmio di tempo per chi sottoscrive il contratto equivalgono anche ad evitare inutili costi di spedizione del cartaceo o le commissioni dovute per il pagamento con bollettino.

Ricordiamo che cambiare gestore non ha costi e non sono previsti momenti “morti” durante il passaggio. Continuerete a ricevere energia come se non fosse accaduto nulla.

 

Commenti Facebook: